Meridiana

Rivista di storia e scienze sociali
Rivista quadrimestrale dell’Istituto meridionale di storia e scienze sociali

ISSN Cartaceo: 0394-4115 | ISSN Elettronico: 1973-2244

Meridiana

Meridiana è un quadrimestrale che nasce nel 1987 come esperienza intellettuale di un gruppo di studiosi (storici, sociologi, economisti, antropologi, scienziati politici) legati tra loro da un progetto originario concentrato su una visione del Mezzogiorno come realtà plurale, che si lega a una analisi condotta attraverso linguaggi disciplinari differenti e fortemente orientata a decostruire, de-ideologizzare e criticare rappresentazioni e stereotipi culturali che si ispirano a fuorvianti e astratte uniformità. L’analisi interdisciplinare di un tema monografico è stato fin dall’inizio il tratto caratterizzate della rivista. Nel corso degli ultimi anni, pur rimanendo i problemi dello sviluppo del Mezzogiorno d’Italia un aspetto centrale dei suoi interessi, Meridiana ha allargato la sua attenzione prendendo in considerazione temi come le disuguaglianze, la regolazione politica e sociale, le problematiche ambientali, le rappresentazioni sociali e le differenze territoriali anche in aree diverse dalle regioni meridionali. Meridiana è, dunque, uno strumento multidisciplinare di interpretazione dei grandi temi che animano il dibattito pubblico nazionale ed internazionale. I suoi lettori si identificano non solo con la comunità degli studiosi, ma anche con insegnanti, studenti, funzionari pubblici, giornalisti, politici e amministratori che danno vita a una domanda di conoscenza in grado di coniugare rigore scientifico e “utilità” pubblica. Oltre agli articoli della parte monografica e ai saggi liberi, la rivista pubblica anche recensioni a libri e film, riflessioni su categorie interpretative, analisi metodologiche, interventi di critica, interviste e tavole rotonde destinati ad apposite rubriche. Tutti gli articoli sono sottoposti ad un processo anonimo di peer review che ne valuta sia l’eccellenza accademica che l’accessibilità a un pubblico più vasto.

Meridiana is a four-monthly journal founded in 1987 as an intellectual experience by a group of scholars – historians, sociologists, economists, anthropologists, and political scientists – sharing a vision of the Italian South as a plural reality to be analyzed using the methodologies of different disciplines in order to deconstruct, deideologize and critique cultural representations and stereotypes inspired by misleading and abstract uniformities. From the beginning, the interdisciplinary analysis of a single monographic theme has been the distinctive trait of the journal. Over the last few years, although the problems of the development of the Italian South have remained a central focus for Meridiana, the journal has broadened its scope to encompass themes such as inequalities, political and social regulation, environmental issues, social representations, and differences between geographical areas, not necessarily in the Italian southern regions. Meridiana is thus a multidisciplinary instrument for the interpretation of the major themes animating the national and international public debate. Its readers include not only the community of scholars, but also school teachers, students, public officials, journalists, politicians and administrators. From this community comes a demand for a form of knowledge capable of combining scientific rigor with public usefulness. Besides the articles in the monographic section and single essays, the journal also includes sections with book and film reviews, reflections on interpretive categories, methodological analyses, critiques, interviews and round tables. All the articles are anonymously peer reviewed to assess both their academic excellence and their accessibility to a broader readership.