Purgatorio e Antipurgatorio

Un’indagine dantesca

Gennaro Sasso
Collana: I libri di Viella, 307
Pubblicazione: Gennaio 2019
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 200, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788833130958
€ 25,00 -15% € 21,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 21,25
Edizione digitale
ePUB con Adobe DRM
ISBN: 9788833132518
€ 14,99
Acquista Acquista Acquista

La struttura del Purgatorio è studiata, in questo nuovo saggio che Gennaro Sasso dedica alla Commedia, non tanto in base alla divisione delle sue parti e dei criteri teologici che Dante adottò nel costruirla, quanto piuttosto attraverso il lavoro compiuto dalle anime per pervenire al luogo deputato alla loro purgazione.
Grande attenzione è consacrata all’Antipurgatorio, cioè al­la zona che si trova al di qua della porta che immette nel Purgatorio vero e proprio. Le questioni che questa zona pone all’interprete sono molteplici e insidiose e Sasso ha cercato di individuarle insistendo su quello che sembra essere il loro tratto fondamentale, cioè l’assenza di rigide divisioni e la “libertà” di movimento che caratterizza la condizione delle anime: di qui la sua differenza dalla parte della montagna che costituisce il vero e proprio Purgatorio; ma anche dal cosiddetto Antinferno, che appartiene all’Inferno a tutti gli effetti e ne costituisce il primo cerchio.

  • Prefazione
  • 1. Purgatorio e Antipurgatorio: questioni di struttura
  • 2. La «selva» e il «dilettoso monte»
  • Indice dei nomi
  • Indice dei personaggi danteschi

Gennaro Sasso

Gennaro Sasso è professore emerito (già ordinario di Filosofia teoretica) presso la Sapienza-Università di Roma, socio nazionale dell’Accademia dei Lincei, direttore dell’Istituto italiano per gli studi storici di Napoli. Autore di molti libri sul pensiero politico (Machiavelli, Guicciardini, Lucrezio) e filosofico (Platone, l’idealismo italiano), con i nostri tipi ha pubblicato Dante, Guido e Francesca (2008), Ulisse e il desiderio (2011) e Storiografia e decadenza (2012).

Forse ti interessa anche