La donna delinquente e la prostituta

L’eredità di Lombroso nella cultura e nella società italiane

a cura di Liliosa Azara e Luca Tedesco
Collana: I libri di Viella, 330
Pubblicazione: Ottobre 2019
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 228, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788833132013
€ 28,00 -15% € 23,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,80

A partire dalla seconda metà dell’Ottocento, le discussioni intorno alla natura femminile, alla collocazione della donna in società e al rapporto fra i sessi si fecero sempre più frequenti.

All’interno della cultura scientifica positivista la caratterizzazione psichica e morale dell’individuo veniva fatta derivare dalla sua struttura anatomo-biologica: le nascenti scienze umane veicolarono dunque l’immagine di una femminilità legittima solo se commisurata alle funzioni naturali inscritte nel corpo della donna. In questo contesto, una formidabile eco ebbe l’opera di Cesare Lombroso.

Obiettivo del volume è allora quello di ripercorrere l’eredità lombrosiana circa la normalità e la devianza femminili tanto nella riflessione teorica, quanto nei dispositivi normativi dall’ultimo decennio dell’Ottocento fino all’Italia repubblicana.

  • Liliosa Azara, Luca Tedesco, Introduzione. La donna delinquente: teorie lombrosiane e pratiche politico-istituzionali in Italia tra Otto e Novecento
  • Luca Tedesco, Un parricidio mancato. La ricezione della Donna delinquente, la prostituta e la donna normale in Italia tra Otto e Novecento
  • Riccardo Cavallo, «Sposa affettuosa, madre sublime e donna delinquente». Socialismo giuridico e criminalità femminile
  • Emilia Musumeci, La donna delinquente tra isteria e infirmitas sexus nell’immaginario giuridico e scientifico ottocentesco
  • Matteo Loconsole, Dalla donna normale alla criminale-nata. La natura femminile nel dialogo tra Paolo Mantegazza e Cesare Lombroso
  • Tommaso Dell’Era, Il paradigma lombrosiano della donna delinquente nel regime fascista. Considerazioni storiografiche
  • Mary Gibson, Cesare Lombroso and the Gendered Prison
  • Laura Schettini, Prostitute migranti, società e misure di polizia in età liberale
  • Annalisa Cegna, Femminilità pericolose. Le internate nel regime fascista
  • Annacarla Valeriano, «Avide dello scandalo». La devianza femminile in manicomio
  • Liliosa Azara, La prostituta tra innatismo e acquisizione. Una questione insoluta nell’Italia repubblicana
  • Indice dei nomi
  • Gli autori

In copertina: fotografie conservate in Archivio di Stato di Roma, Centro Amministrativo Giuseppe Altavista, Carceri dismesse nell’Italia centrale.

Forse ti interessa anche