Giocare tra Medioevo ed età moderna

Modelli etici ed estetici per l’Europa

a cura di Francesca Aceto e Francesco Lucioli
Collana: Ludica: collana di storia del gioco, 14
Pubblicazione: Novembre 2019
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 248, 17x24 cm, bross.
ISBN: 9788833132785
€ 35,00 -15% € 29,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 29,75

I saggi qui pubblicati intendono proporre una nuova riflessione, anche di carattere storiografico, sulla funzione etica attribuita all’attività ludica tra Medioevo ed età moderna, sulle sue molteplici forme di espressione e di rappresentazione, e sulle modalità con le quali il gioco viene interpretato e utilizzato in chiave morale. Il volume ragiona dunque sulle dinamiche di relazione tra donne, uomini e prassi ludica, per analizzare gli spazi, i tempi e le modalità di accesso al gioco nel lungo periodo che va dalla teorizzazione medievale dell’eutrapelia alle riflessioni gesuitiche sull’educazione dei fanciulli. L’analisi di fenomeni di grande interesse antropologico, come quello ludico, merita infatti di essere condotta in un’ottica ampia, tesa a indagare prospettive generali, e capace quindi di individuare elementi strutturali che si ripercuotono a lungo termine e possono così rivelarsi indicatori di cambiamenti significativi negli assetti sociali, istituzionali e culturali delle società medievali e moderne. Il lettore è così condotto a seguire le fila della storia di un’esperienza culturale straordinaria, tra morale e religione, tra etica e politica.

  • Francesca Aceto e Francesco Lucioli, Introduzione
  • Paolo Garbini, Coniugazione del verbo giocare. Grammatici e gioco nel Medioevo latino
  • Carla Casagrande e Silvana Vecchio, Vizi e virtù del gioco: l’eutrapelia fra XIII e XV secolo
  • Antonella Fenech Kroke, «Mattaccin tutti noi siamo». Giochi acrobatici e distorsioni corporee tra Medioevo e Rinascimento
  • Francesca Aceto, «La spirituale ricreazione del buon geometra». Note su ludicità, arte e scienza tra Quattrocento e Cinquecento
  • Alessandra Rizzi, Chiesa, gioco e società nel Rinascimento, con una postilla veneziana
  • Amedeo Quondam, Giochi di corte
  • Francesco Lucioli, Giochi cortigiani e moralità nell’Innamoramento di Ruggeretto di Panfilo de’ Renaldini
  • Paolo Procaccioli, Verso l’Indice e il declino del libro di sorti. Da Lorenzo Spirito all’Oracolo di Girolamo Parabosco
  • Alessandro Arcangeli, Genere dei giochi e giochi di genere nella cultura ludica del Rinascimento europeo
  • Umberto Cecchinato, Danza, comportamento di genere e corteggiamento nel Rinascimento
  • Gherardo Ortalli, Giovani, etica, gioco d’azzardo: l’insegnamento scolastico della Compagnia di Gesù e le Lezioni di Cesare Calini (1713-1720)
  • Bibliografia
  • Riassunti /Summaries
  • Note sugli autori/Notes on the authors
  • Referenze sulle illustrazioni
  • Indice dei nomi e dei luoghi

in copertina: Dettaglio di una miniatura raffigurante Tristano e Isotta che giocano a scacchi in viaggio verso la Cornovaglia. Dal Roman de Tristan, secolo xv. Parigi, Bibliothèque nationale de France, ms. Français 112, c. 239.

Forse ti interessa anche