Pensare la città

Condizione abitativa e politiche pubbliche nel “triangolo industriale” (1950-1980)

a cura di Daniela Adorni e Davide Tabor
Collana: I libri di Viella, 472
Pubblicazione: Gennaio 2024
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 268, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788833133119
€ 28,00 -5% € 26,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 26,60
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9791254694459
€ 16,99
Acquista Acquista Acquista

Il libro ricostruisce i molteplici sguardi sulla città e sul problema abitativo nell’Italia del Nord-Ovest tra gli anni Cinquanta e Settanta: proprio in questo periodo la pressione demografica esercitata dai flussi migratori su Milano, Torino e Genova, i tre principali centri industriali dell’area, alimentò un ricco dibattito sulle condizioni di vita urbane anzitutto per i risvolti sociali della questione edilizia, sollecitando gli attori pubblici e privati a individuare possibili soluzioni politiche.

Furono molti i soggetti a vario titolo coinvolti nella denuncia della presenza di case malsane e precarie e nell’elaborazione di norme e di piani – istituzioni ed enti nazionali e locali, partiti, sindacati, movimenti, studiosi, gruppi di abitanti, intellettuali, ecc. – e l’esame approfondito delle loro prospettive permette di misurare il grado di percezione del problema tra le forze politiche e nell’opinione pubblica, di analizzare il tipo di mobilitazione nata intorno a questi temi e di interpretare le risposte fornite dal decisore pubblico.

  • Daniela Adorni, Davide Tabor, Pensare e ripensare la città tra condizione abitativa e politiche pubbliche
  • I. Migrazioni
    • Francesco Gastaldi, Federico Camerin, Il “Biscione”, processi migratori e questione abitativa a Genova nel secondo dopoguerra
    • Mariachiara Guerra, Aperti, obbligatori e gratuiti: gli spazi dell’istruzione tra Costituzione e immigrazione. Il caso studio di Barriera di Milano (Torino)
    • Daniele Savant-Aira, Pressione migratoria e movimento della popolazione a Torino (1953-1978)
  • II. Culture, soggetti sociali e conflitto
    • Giorgio Del Zanna, La Chiesa di Milano e la questione abitativa tra ricostruzione e “miracolo economico”
    • Marco Soresina, Città e casa per gli squatter di Milano (1967-1975)
    • Gioachino Lanotte, La casa “cantata”. Aspetti dello spazio abitativo nel linguaggio della canzone (1950-1980)
  • III. Modelli di quartiere, modelli di città
    • Chiara Maggi, Rossana Misuraca, Unità autosufficiente e quartiere satellite: il modello urbano delle Vallette di Torino
    • Cristina Accornero, Scoprire la “New Town”. Aldo Moro e il modello della città giardino nell’Italia del miracolo economico
    • Paola Battaglia, Mirafiori Nord, un quartiere di proprietari di casa. Uno studio sulla qualità abitativa e la realtà immobiliare privata e pubblica
  • IV. La città pubblica e la città privata
    • Elisabetta M. Bello, Maria Teresa Gabardi, La città pubblica e lo sviluppo della zona sud-ovest di Milano
    • Luigi Alberto Benincaso, Claudio Besana, L’edilizia economico-popolare a Milano e nella sua provincia negli anni della ricostruzione e del “miracolo”: il ruolo dell’Istituto autonomo per le case popolari
    • Daniela Adorni, Davide Tabor, Torino anni Sessanta: una città con spiccate caratteristiche di segregazione etnica e sociale?
    • Fabrizio Loreto, La “città ferita”: trasformazioni urbane, condizione abitativa e politiche sindacali a Genova (1950-1980)
    • Nicola Martinelli, Dal caro affitti alla politica delle riforme: i sindacati milanesi e la questione abitativa lungo gli anni Sessanta
    • Boris Pesce, Il Sunia e i comitati per la casa a Torino negli anni Settanta: iniziative e strumenti di comunicazione
  • Indice dei nomi

In copertina: Torino, Cascina Regia Nave (1970 ca). Archivio Istoreto.

Forse ti interessa anche