La rivoluzione transpolitica

Il ’68 e il post-’68 in Italia

Fulvio De Giorgi
Collana: La storia. Temi, 79
Pubblicazione: Settembre 2020
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 436, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788833134529
€ 35,00 -5% € 33,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 33,25
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788833136035
€ 20,99
Acquista Acquista Acquista

Il volume ricostruisce e interpreta il ’68 e il post-’68, in Italia, attraverso la categoria della “rivoluzione transpolitica”. Con questa chiave ermeneutica e con un approccio di storia culturale dell’educazione, si distinguono “quattro ’68”, visti nella loro specifica processualità, nei loro caratteri antropologico-pedagogici e nella mutua influenza e confluenza: la contestazione giovanile esistenziale; il movimento studentesco; il dissenso cattolico; l’autunno caldo operaio. Non manca un’analisi delle risposte del sistema politico italiano, in particolare sul piano della politica scolastica.

  • Premessa. Immaginazione e Potere
  • 1. «Non è ancora la rivoluzione, ma è già qualcosa»  
    • 1. Oltre l’autobiografia del ’68: per un’interpretazione storica complessa
      • 1.1. Memorie e storia
      • 1.2. Un approccio critico-interpretativo
      • 1.3. Considerare anche il post-’68
    • 2. La sorpresa
      • 2.1. Crescita e benessere (anche in Italia)
      • 2.2. Consumo e consumismo
      • 2.3. Progresso tecnico, democratizzazione e socializzazione
    • 3. La sua eccezionalità: un evento scolastico mondiale
      • 3.1. Primo e secondo mondo
      • 3.2. Scolarizzazione di massa e sistemi invecchiati
      • 3.3. Condizioni giovanili
    • 4. Il ’68 e il post-’68 come rivoluzione transpolitica
      • 4.1. Erlebnis collettivo
      • 4.2. L’interpretazione transpolitica
      • 4.3. Una rivoluzione
      • Nota bibliografica
  • 2. «Siamo liberi perché stiamo vivendo la nostra gioia totale»
    • 1. Forme di autorità e anti-autoritarismo
      • 1.1. Razionalità strumentale e intrascendibilità del sistema nel capitalismo maturo
      • 1.2. L’autorità, la sua morfologia, la tecnologia dell’insegnamento
      • 1.3. Il Re è nudo
    • 2. La formazione delle élites disponibili: il quinquennio di preparazione e l’innesco del ’68 italiano
      • 2.1. «La Zanzara»: non solo il “caso” del 1966
      • 2.2. Non solo «La Zanzara»: giornali e associazioni studentesche
      • 2.3. Le riviste dell’impegno culturale
    • 3. Pedagogia della Parola e prendersi la parola
      • 3.1. La nonviolenza della parola
      • 3.2. Parola-Volontà e linguaggi molteplici
      • 3.3. Parola trasgressiva
    • 4. Violenza educatrice e pedagogia nera
      • 4.1. Il problema della violenza
      • 4.2. Guerra no, guerriglia sì
      • 4.3. Un nodo di fondo
      • 4.4. Una pedagogia doppiamente nera
      • 4.5. Il rovesciamento della dimensione ludica
  • 3. «Tremando, tramando, tremendo»
    • 1. I quattro ’68
      • 1.1. La contestazione giovanile globale
      • 1.2. Il movimento studentesco
      • 1.3. Il dissenso cattolico
      • 1.4. L’autunno caldo operaio
      • 1.5. La dimensione pedagogico-educativa
    • 2. Antropologia pedagogico-culturale dei quattro ’68
      • 2.1. «Ma che colpa abbiamo noi». Nel ’68 esistenziale
      • 2.2. «Trionfi la giustizia proletaria». Nel ’68 ideologico
      • 2.3. «In ciò che noi crediamo Dio è risorto». Nel ’68 ecclesiale
      • 2.4. «Stato e padroni, fate attenzione». Nel ’68 operaio
    • 3. Polarità diverse
      • 3.1. Influenze, ibridazioni, polarizzazioni
      • 3.2. La periodizzazione
      • 3.3. Continuità, durate, esiti
    • 4. Una Paideia mite in un’educazione informale
      • 4.1. Il comune antifascismo
      • 4.2. Il limite hegelomarxista
      • 4.3. Un’ipotesi sovraordinata: rivoluzione come conversione
      • 4.4. «Vecchia piccola borghesia». Obiezioni di coscienza e forma istituente
  • 4. Le risposte del sistema politico
    • 1. Le difficili scelte della politica scolastica
      • 1.1. Voci da fuori il ’68 e da dentro il sistema politico italiano
      • 1.2. Volontà di innovazione e resistenze
      • 1.3. Il fallimento di Sullo
      • 1.4. Riforme avviate ma non realizzate
    • 2. Organismi partecipativi e democrazia scolastica: attenzione al tema
      • 2.1. L’avvio con Scaglia e Sullo
      • 2.2. La proposta Misasi e i cambiamenti in Commissione
      • 2.3. Le relazioni di maggioranza e di minoranza
    • 3. Organismi partecipativi e democrazia scolastica: dibattito e conclusioni
      • 3.1. Il dibattito parlamentare
      • 3.2. Le chiusure di Scalfaro
      • 3.3. La conclusione con Malfatti
    • 4. I veri cambiamenti storici
      • 4.1. 150 ore e tempo pieno
      • 4.2. Asili nido e integrazione dei disabili
      • 4.3. Una nuova cultura scolastica
  • 5. Educarne cento senza colpirne uno: il post-’68
    • 1. Il post-’68: nuova utopia e nuova profezia
      • 1.1. Visione più ampia del post-’68
      • 1.2. Obiezione di coscienza alla tecnocrazia
      • 1.3. Utopia e profezia
    • 2. Uno spunto per una diversa Italian Theory
      • 2.1. Enzo Paci
      • 2.2. L’interpretazione del ’68
      • 2.3. Tre poli
    • 3. Un sentiero interrotto: il compromesso storico
      • 3.1. Problemi politici ed economici nell’Italia del post-’68
      • 3.2. Enrico Berlinguer e la proposta del «compromesso storico»
      • 3.3. Franco Rodano e la critica della società opulenta
    • 4. Istanze di rivoluzione transpolitica (testimoniale-paradossale)
      • 4.1. Il personale è politico: il neofemminismo
      • 4.2. Il personale è politico: percorsi diversi
      • 4.3. Il mondo cattolico e le prospettive pastorali della Chiesa
      • 4.4. La pace come alternativa di Civiltà
      • 4.5. Accoglienza e solidarietà di base
  • Epilogo. Il ’68, il post-’68 e la società refluente
  • Indice dei nomi

In copertina: Mario Schifano, Festa cinese, 1968.

Fulvio De Giorgi

Fulvio De Giorgi insegna Storia dell’educazione nell’Università di Modena e Reggio Emilia. Presiede il Centro Italiano per la Ricerca Storico-Educativa e dirige la rivista «Annali di storia dell’educazione e delle istituzioni scolastiche». Per i nostri tipi ha pubblicato Millenarismo educatore. Mito gioachimita e pedagogia civile in Italia dal Risorgimento al fascismo (2010).

Forse ti interessa anche
  • La costruzione di un progetto totalitario
    a cura di Patrick Bernhard e Lutz Klinkhammer
    2017, pp. 292
    € 32,00 -5% € 30,40
  • Società, Deputazioni e Istituti storici nazionali nella costruzione dell’Italia
    A cura di Agostino Bistarelli
    2012, pp. 324
    € 32,00 -5% € 30,40
  • A cura di Giovanni Vian
    2010, pp. 604
    € 35,00 -5% € 33,25
  • Mito gioachimita e pedagogia civile in Italia dal Risorgimento al fascismo
    Fulvio De Giorgi
    2010, pp. 360
    € 33,00 -5% € 31,35