Dall’Europa a scoprire l’Oriente

Da Gengis Khan a Marco Polo

Gherardo Ortalli
Collana: La storia. Temi, 93
Pubblicazione: Novembre 2021
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 164, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788833137957
€ 20,00 -5% € 19,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 19,00
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788833139432
€ 11,99
Acquista Acquista Acquista

Non sono molte le congiunture in grado di aprire nuovi, grandi orizzonti con l’incontro fra civiltà lontane, tanto da modificare equilibri emisferici consolidati.

Fu così nel secolo XIII, quando l’Occidente europeo e l’Oriente estremo entrarono in contatto con il fragore delle armi, le necessità della fede e la pratica degli affari. Tanto gli eserciti mongoli, quanto le missioni promosse dalla Santa Sede o i profitti dei più intraprendenti mercanti si sommarono aprendo imprevisti rapporti.

È un percorso in cui con tempi e ruoli diversi, tra Oriente a Occidente, ci possono accompagnare testi quali, per esempio, la Storia segreta dei Mongoli o il Viaggio in Mongolia di frate Guglielmo di Rubruck o soprattutto il Milione di Marco Polo. Vale la pena seguirne lo straordinario cammino.

  • Una premessa
  • I. Dai primi incontri al Milione
    • La comparsa del lontano Oriente: l’arrivo della cavalleria mongola
    • Prima del terrore, le illusioni dell’Occidente
    • Il realismo prende il sopravvento
    • Dalla fede alla diplomazia
    • Il tempo dei riassestamenti e la fine degli ultimatum all’Occidente
    • Chi e come per meglio conoscersi: i deportati…
    • …e i mercanti
    • I Polo: una famiglia veneziana
    • Il Milione prima del Milione
  • Un’altra premessa
  • II. Tra il prima e il poi: col Milione la nuova conoscenza dell’Oriente
    • Il grande libro del nobile e saggio cittadino di Venezia
    • In un mondo di viaggi, la prima grande avventura dei Polo
    • La stagione di Marco Polo e il racconto del viaggio
    • Dopo il viaggio, le molte facce del Milione
    • Genova 1298: l’incontro fra il viaggiatore e il letterato
    • L’attore principale: Qubilay e gli svaghi del grande signore
    • Signore di guerra e di governo
    • Gli usi di un altro mondo, fra tolleranze e durezze
    • I grandi numeri e le meraviglie dell’Oriente
    • Il successo dell’opera
  • Nota bibliografica
  • Indice dei nomi
  • Indice dei luoghi

In copertina: Guerrieri mongoli all’inseguimento dei nemici, illustrazione di Rashid-ad-Din’s Gami’ at-tawarih, inizi del XIV secolo. Berlin, Staatsbibliothek, Orientabteilung, Diez A fol. 70, p. 59.

Gherardo Ortalli

Gherardo Ortalli è professore emerito di Storia medievale presso l’Università di Venezia Ca’ Foscari. Della sua ampia e varia produzione si ricordano, fra gli altri, i volumi Lupi genti culture (Einaudi, 1997) e Barattieri. Il gioco d’azzardo fra economia ed etica. Secoli XIII-XV (il Mulino, 2012), nonché la direzione di «Ludica, annali di storia e civiltà del gioco» pubblicata da Fondazione Benetton Studi Ricerche-Viella.

Professor Emeritus of Mediaeval History at the University of Ca’ Foscari, Venice and a member of numerous academies and societies in Italy and elsewhere, Ortalli is especially interested in the mentality, culture and history of ludicity; he has been the editor of the journal Ludica. Annali di storia e civiltà del gioco since its first issue. In 2017 he was awarded the ‘Chabod’ Prize by the Accademia dei Lincei for the best Italian work of mediaeval, modern or contemporary history published in the previous five years.

Forse ti interessa anche