Una giovane attrice intelligente

Lettere di Lucia Sarzi (1938-1940)

a cura di Laura Artioli e Luciano Casali
Collana: Collana dell’Istituto Alcide Cervi, 2
Pubblicazione: Giugno 2021
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 120, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788833138015
€ 15,00 -5% € 14,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 14,25
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788833136967
€ 8,99
Acquista Acquista Acquista

Il nome e l’attività antifascista di Lucia Sarzi sono ben noti a chi ha letto I miei sette figli di Alcide Cervi o ha visto I sette fratelli Cervi di Gianni Puccini. A lei si deve molto del radicamento della rete clandestina che, tra case di latitanza, antifascisti e partigiani, rese possibile la Resistenza in Emilia. Attrice itinerante, giovanissima (era nata l’8 novembre 1920) entrò in contatto con i comunisti di Parma nell’estate 1940; nel novembre 1941 la famiglia Cervi scoprì lei e il suo pensiero antifascista grazie, appunto, al Teatro in cui recitava; nel 1943 accompagnava Giorgio Amendola nel suo percorso clandestino nel nord Italia e collaborava alla stampa e alla diffusione de «l’Unità».

Le lettere che Lucia si scambiò con un gruppo di giovani di Lentate sul Seveso fra la fine del 1938 e l’inizio del 1940, conservate all’Archivio centrale dello Stato perché sequestrate dalla polizia, ci aiutano a comprendere la formazione culturale e politica di una ragazza di 18-19 anni e a collocare in quei mesi le radici del suo antifascismo e della sua attività clandestina.

  • Laura Artioli, Lucia Sarzi, «una strana ragazza»
  • Luciano Casali, La doppia scoperta delle lettere
  • Laura Artioli, «Voi siete la fonte. Siate inesauribile»
  • Lettere (1938-1940)
  • Appendice
    • 1. Relazione del prefetto di Alessandria
    • 2. Verbali di interrogatorio di Lucia Sarzi

In copertina: La compagnia Sarzi rappresenta I cattivi pastori di Octave Mirbeau (Lucia è inginocchiata sulla destra). Emilia Romagna, fine anni Quaranta. Archivio privato di Tiziana Monari.

Laura Artioli

Laura Artioli lavora nell’ambito socio-educativo e nella ricerca storico-antropologica. Tra i suoi libri ricordiamo Paura non abbiamo. L’Unione donne italiane di Reggio Emilia (IBC, 1993) e Storia delle storie di Lucia Sarzi (Corsiero, 2014) e Con gli occhi di una bambina. Maria Cervi, memoria pubblica della famiglia (Viella, 2020).

Luciano Casali

Luciano Casali è stato docente di Storia contemporanea all’Università di Bologna. Fra le molte pubblicazioni ricordiamo la riproposizione de I miei sette figli di Alcide Cervi (Einaudi, 2010), Identikit della Resistenza. I partigiani dell’Emilia-Romagna (Clueb, 2011).

Forse ti interessa anche
  • Le due guerre mondiali, le persone, la natura
    a cura di Giorgio Vecchio e Gabriella Gotti
    2020, pp. 360
    € 28,00 -5% € 26,60
  • Maria Cervi, memoria pubblica della famiglia
    Laura Artioli
    2020, pp. 204
    € 23,00 -5% € 21,85
  • Studi di storia per Mariuccia Salvati
    A cura di Paolo Capuzzo, Chiara Giorgi, Manuela Martini, Carlotta Sorba
    2011, pp. 600
    € 58,00 -5% € 55,10