Selve oscure e alberi strani

I boschi nell’Italia di Dante

a cura di Paolo Grillo
Collana: I libri di Viella, 413
Pubblicazione: Gennaio 2022
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 260, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788833138374
€ 27,00 -5% € 25,65
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 25,65
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788833139579
€ 15,99
Acquista Acquista Acquista

Elemento centrale della vita delle società umane nell’età medievale, le “selve oscure” di dantesca memoria potevano essere usate come potenti metafore letterarie, ma rappresentavano anche spazi ecologici, nicchie di biodiversità, risorse economiche e oggetti di tutela giuridica. Per questo si propongono quale luogo per eccellenza di dialogo interdisciplinare.

Le ricerche qui raccolte presentano alcuni dei molteplici approcci possibili allo studio dei boschi nell’Italia dei secoli XIII e XIV, coinvolgendo storici e storiche della letteratura e dell’arte, della cultura e della società, dell’economia e delle istituzioni, nonché studiosi e studiose di botanica, archeologia e paleobotanica.

In copertina: Dante e Virgilio nella selva dei suicidi, miniatura da Lo inferno della commedia di Dante Alighieri col commento di Guiniforte delli Bargigi (prima metà del ‘400). Imola, Biblioteca comunale.

Forse ti interessa anche
  • Temi, funzioni, attori della comunicazione visiva nei Comuni lombardi (XII-XIV secolo)
    Matteo Ferrari
    2022, pp. 340 + 90 tav. col.
    € 58,00 -5% € 55,10
  • Biodiversità, diritti e culture dal medioevo al nostro tempo
    a cura di Alessandra Dattero
    2022, pp. 388
    € 35,00 -5% € 33,25
  • a cura di Laurent Feller, Paolo Grillo e Maddalena Moglia
    2021, pp. 256
    € 28,00 -5% € 26,60
  • nelle città comunali e signorili italiane
    a cura di Andrea Zorzi
    2020, pp. 360
    € 32,00 -5% € 30,40