Scritti linguistici 1

Scritti di fonetica e morfologia italo-romanze. Testi dialettali
TOMO 1
Dialetti del Settentrione e della Svizzera italiana Italiano, toscano, còrso

Clemente Merlo
a cura di Michele Loporcaro, Sandra Covino, Franco Fanciullo, Federica Breimaier e Stefano Negrinelli
con la collaborazione di Alberto Giudici e Giulia Meli
Collana: Fuori collana
Pubblicazione: Marzo 2022
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 300, 17x24 cm, bross.
ISBN: 9788833138701
€ 35,00 -5% € 33,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 33,25
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9791254690406
€ 20,99
Acquista Acquista Acquista

Clemente Merlo (Napoli 1879-Milano 1960), laureatosi a Pavia con Carlo Salvioni, insegnò a Pisa dal 1907 al 1948. Nel 1920 succedette al maestro nella direzione del Vocabolario dei dialetti della Svizzera Italiana e nel 1924 fondò la rivista L’Italia dialettale, che diresse sino al vol. XXIII (1959), alle cui bozze attendeva la sera prima di spegnersi. Negli studi di dialettologia e linguistica italiana ha lasciato un’impronta durevole, con la rivista non meno che coi propri scritti. La ristampa anastatica li ripropone ora indicizzati, come strumento imprescindibile per gli studi di dialettologia italiana e linguistica romanza.

Questo primo volume, in due tomi, raduna Scritti di fonetica e morfologia italo-romanze e Testi dialettali commentati linguisticamente: il primo tomo è articolato nelle due sezioni 1. Dialetti settentrionali e della Svizzera italiana e 2. Italiano, dialetti toscani, còrso; il secondo tomo è costituito dalla sezione 3 dedicata ai Dialetti centro-meridionali, campo di ricerca di cui Merlo, tra i primi dissodatori, fu il massimo esperto.

  • Premessa
  • 1. Norme per la trascrizione fonetica (1924)
  • 2. Aggiunte e rettifiche alle norme per la trascrizione fonetica (1927)
  • 1. Dialetti settentrionali e della Svizzera italiana
    • 1. Dei continuatori di -l- nei dialetti del Canton Ticino e territorii limitrofi (con 1 carta) (1928)
    • 2. Commento linguistico alla «Versione della Parabola del figliuol prodigo nel dialetto di S. Vittore (Mesolcina)» (1931)
    • 3. Della vocale a´ seguita da consonante nasale in alcuni dialetti del Sottoceneri (1932)
    • 4. Appunti sul dialetto della Spezia (1936)
    • 5. Contributi alla conoscenza dei dialetti della Liguria odierna. I. Degli esiti di r (primario o secondario da l) e di n intervocalici nel dialetto di Pigna (Imperia), con 2 carte (1938)
    • 6. Appunti sul dialetto di Lerici (La Spezia) con un’appendice lessicale (1948)
    • 7. Profilo fonetico dei dialetti della Valtellina (1951)
    • 8. I dialetti lombardi (1959)
    • 9. Parabola del Figliol prodigo nel dialetto di Villette (Valle Vigezzo) (1962)
    • 10. Note a lavori altrui
      • C. Battisti, Appunti di fonetica mòchena (1924)
      • S. Sganzini, Fonetica dei dialetti della Val Leventina (1924-26)
      • S. Sganzini, [Recensione a] Jean Buchmann, Il dialetto di Blenio. Saggio fonetico-morfologico con un’appendice lessicale (1927)
      • G. Bottiglioni, L’antico genovese e le isole linguistiche sardo-corse (1928)
      • S. Sganzini, Osservazioni sul vocalismo dei dialetti della valle di Blenio (Canton Ticino) (1928)
  • 2. Italiano, dialetti toscani, còrso
    • 1. Proposta di aggiunte ai §§ 336/352, 383/384 della «Italienische Grammatik» di W. Meyer-Lübke (1917)
    • 2. Borgo a Mozzano (Lucchese); Pisa [Trascrizioni fonetiche] (1921)
    • 3. Consonanti brevi e consonanti lunghe nel dialetto di Borgo S. Sepolcro (1929)
    • 4. F. D. Falcucci e le versioni côrse della novella I, 9 del «Decameron» nei «Parlari italiani in Certaldo» di G. Papanti (1930)
    • 5. [Recensione a] Vasco Restori, ‘Contro corrente’. Note critiche e discuss. intorno a le origini della lingua italiana, vll. 1-3 Mantova, Peroni, 1931-32; ‘Essenza e formaz. della lingua secondo la teoria del contemperamento, espressione concreta del pensiero, effetto della socievolezza’ ibid. 1934 (1932)
    • 6. Il problema delle origini della lingua italiana. Volgare romanesco e volgare toscano (1939-47)
    • 7. Della sibilante tra vocali nel toscano (1940)
    • 8. Osservazioni allo scritto di G. Lupi, L’accento gràfico nella Lingua italiana (1940)
    • 9. Le consonanti sorde intervocaliche latine nel toscano (1941)
    • 10. Pronunzia fiorentina o pronunzia romana? (1947)
    • 11. Noterelle di fonetica e di morfologia italiana: 1. Le occlusive sorde intervocaliche e i vernacoli toscani. 2. Parole composte. 3. Il tipo avverbiale di «carpone, carponi» (1947)
    • 12. Degli esiti toscani dei nessi latini G+J e D+J intervocalici (1948)
    • 13. Ancora degli esiti toscani dei nessi latiniG+J e D+J intervocalici (1950)
    • 14. Del rafforzamento sintattico (1949)
    • 15. Deverbali e derivati di verbi, deverbali e participi accorciati (1951)
    • 16. Ital. «le labbra, le braccia» e sim. (1952)
    • 17. Di una presunta sostituzione preromanza di -AS all’-AE di nominativo plurale dei temi in -A (1955)
    • 18. Note a lavori altrui
      • P. Meriggi, Studi di fonetica sperimentale sull’italiano (1929)
      • A. Prati, Antisuffissi (1942)
  • Sede originaria di pubblicazione
Forse ti interessa anche