Parole nel tempo

Un lessico per pensare la storia

Francesco Benigno
Collana: La storia. Temi, 31
Pubblicazione: Giugno 2013
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 256, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788867280049
€ 26,00 -5% € 24,70
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 24,70
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788867281305
€ 17,99
Acquista Acquista Acquista
ePUB con Adobe DRM
ISBN: 9788867281220
€ 17,99
Acquista Acquista Acquista

Cos’è il potere? Come nascono le rivoluzioni? Esiste l’opinione pubblica? Come si formano le generazioni? Per poter porre domande come queste occorre conoscere i concetti fondamentali attraverso cui diamo senso al mondo, e alla storia.

Il libro approfondisce questi concetti ed altri (identità, cultura popolare, violenza, Stato moderno, Mediterraneo) analizzando il modo con cui sono stati usati nel pensiero storico-sociale e delineando un loro possibile utilizzo al tempo d’oggi.

In un momento di profonda trasformazione della concezione della storia, sfidata sul piano mediatico dall’ascesa della cosiddetta memoria storica, c’è bisogno di una maggiore consapevolezza dell’uso dei concetti che usiamo, che sono poi quelli che ci consentono di orientarci, di capire il presente, e il passato.

Ecco perché è cruciale conoscerli, questi concetti. Per non usarli senza sapere. Per non obbedirgli senza volere.

  • Introduzione: fare storia al tempo della memoria
    • 1. Il moderno messo a distanza. 2. La sfida della memoria. 3. Storia tradizionale vs storia memoriale? 4. Conclusioni: per una storia critica. Ringraziamenti.
  • 1. Identità
    • 1. C’era una volta la classe. 2. Tra individualismo radicale e rappresentazioni. 3. La scoperta dell’identità. 4. Il moderno che abbiamo perduto. 5. Il mondo liquefatto. 6. Simul stabunt, simul cadunt: la nazione, la classe e le trincee identitarie. 7. Conclusioni: fare i conti con l’innocenza perduta.
  • 2. Generazioni
    • 1. Onda su onda. 2. Generazione come classe? 3. L’invenzione della generazione. 4. Conclusioni: memoria generazionale e costruzione dell’avvenimento.
  • 3. Cultura popolare
    • 1. La vulgata storiografica della cultura popolare. 2. Mille Menocchio. 3. L’irrompere della svolta ermeneutica. 4. Folklore e antropologia riflessiva. 5. L’invenzione del popolo. 6. Conclusioni: ripensare il popolare.
  • 4. Violenza
    • 1. Riti di violenza? 2. Altro da noi. 3. Perdere la testa. 4. Conclusioni: la violenza come giudizio.
  • 5. Potere
    • 1. Il tempo delle Grandi teorie. 2. La reazione antipositivista. 3. Foucault. 4. Il potere nelle organizzazioni sociali. 5. Potere, istituzioni, identità. 6. Conclusioni: la dimensione comunicativa del potere.
  • 6. Stato moderno
    • 1. Alle radici della concezione classica. 2. Gli anni ’30. 3. La concezione classica dello stato moderno. 4. La coscienza della crisi. 5. Una diversa prospettiva. 6. Conclusioni: la rottura della doxa.
  • 7. Rivoluzioni
    • 1. Dopo i revisionismi. 2. La madre di tutte le rivoluzioni. 3. Le «rivoluzioni» prima della «rivoluzione». 4. Conclusioni: rivoluzioni e memoria pubblica.
  • 8. Opinione pubblica
    • 1. La critica come matrice della crisi. 2. Un’utopia comunicativa. 3. Un ancien régime deformato. 4. Il pluralismo possibile. 5. Conclusioni: retoriche contrapposte.
  • 9. Mediterraneo
    • 1. La culla della civiltà europea: il Mediterraneo degli storici. 2. Onore e vergogna: il Mediterraneo degli antropologi. 3. Un nuovo fossato? Il Mediterraneo delle istituzioni europee. 4. Il riscatto: il Mediterraneo della speranza. 5. L’arte di vivere: il Mediterraneo delle emozioni. 6. Conclusioni: il crogiuolo mediterraneo.
  • Indice dei nomi

Francesco Benigno

Francesco Benigno insegna Storia moderna alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Si è occupato di politica europea della prima età moderna, dei metodi e concetti della storia, del crimine organizzato e del terrorismo. Tra i suoi libri, diversi dei quali sono stati tradotti in lingue estere, i più recenti sono: Le parole del tempo. Un lessico per pensare la storia (Viella, 2013); La mala setta. Alle origini di mafia e camorra 1859-1878 (Einaudi, 2015); Terrore e terrorismo. Saggio storico sulla violenza politica (Einaudi, 2018); (con D. Di Bartolomeo) Napoleone deve morire. L’idea di ripetizione storica nella Rivoluzione francese (Salerno 2020); (con V. Lavenia) Peccato o crimine, La Chiesa di fronte alla pedofilia (Laterza, 2021).

e-mail: francesco.benigno@sns.it

Forse ti interessa anche