La pittura infamante

Secoli XIII-XVI

Gherardo Ortalli
Collana: La storia. Temi, 48
Pubblicazione: Novembre 2015
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 184, 16 tav. col. f.t., 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788867280209
€ 25,00 -5% € 23,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,75
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788833135168
€ 14,99
Acquista Acquista Acquista
ePUB con Adobe DRM
ISBN: 9788867286096
€ 14,99
Acquista Acquista Acquista

A partire dalla seconda metà del Duecento, sulle mura dei più importanti edifici pubblici delle città italiane di tradizione comunale cominciarono ad apparire sorprendenti immagini di persone portate al rogo, impiccate, capovolte, in pose grottesche e offensive. Erano l’espressione di una nuova pratica penale in via di consolidamento e destinata a sopravvivere fino al secolo XVI ed oltre: la pittura infamante. Con essa i depositari del potere pubblico punivano, con tutti i crismi dell’ufficialità, i colpevoli di determinati delitti, seguendo una via consona alla mentalità del tempo.

In questo libro – un vero classico di storia medievale, finalmente di nuovo disponibile in una edizione aggiornata e ampliata – l’autore esamina la pittura infamante nei suoi più diversi aspetti: dove e quando nacque e si sviluppò, che efficacia ebbe nel giudizio dei contemporanei, quali fini si propose, quali situazioni le furono più congeniali, fino a spiegarne la genesi in riferimento alla particolare evoluzione della società dei comuni, tra guelfismo e ghibellinismo, tra «grandi» e «popolo».

  • Premessa
  • 1. Introduzione
    • 1. La pena infamante
    • 2. La pittura d’infamia
  • 2. Caratteri e sviluppo della pittura infamante
    • 1. Un sistema d’immagini
    • 2. La rilevanza giuridica
    • 3. Qualità dei reati e differenze di immagini
    • 4. I luoghi
    • 5. La logica urbanocentrica
    • 6. Le origini della pena
    • 7. Gli antecedenti
    • 8. L’efficacia e le reazioni
  • 3. I rapporti con le aree dell’arte e della magia
    • 1. Tra immagine “tipica” e ritratto
    • 2. Didascalia e rime infamanti
    • 3. La pittura infamante e il sortilegio delle immagini
    • 4. Divino anziché demoniaco
  • 4. La pittura d’infamia nella vicenda storica tra medio evo ed età moderna
    • 1. Le matrici dell’uso: neutralità o parzialità
    • 2. Il raggio di applicazione
    • 3. Sotto il segno di guelfismo e popolo
    • 4. Scale di valori e codici di comportamento
    • 5. Tracce e persistenze dei caratteri originari: fino allo spegnimento
  • 5. Conclusioni
  • Indice analitico
  • Indice degli autori

Nuova edizione riveduta e aggiornata
Prima edizione: «…pingatur in Palatio…». La pittura infamante nei secoli XIII-XVI, Jouvence, Roma 1979

Gherardo Ortalli

Gherardo Ortalli insegna Storia medievale presso l’Università di Venezia.

Forse ti interessa anche