La Repubblica di Venezia nel Settecento

Walter Panciera
Collana: La storia. Temi, 43
Pubblicazione: Novembre 2014
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 176, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788867283279
€ 19,00 -5% € 18,05
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 18,05
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788867285020
€ 11,99
Acquista Acquista Acquista
ePUB con Adobe DRM
ISBN: 9788867285013
€ 11,99
Acquista Acquista Acquista

In questo libro si ripercorre la storia della Repubblica aristocratica di Venezia nel XVIII secolo e, sulla base della più classica storiografia sull’argomento e degli studi più recenti, si riesce a contrastare ogni visione stereotipata dell’ultimo secolo di vita di un antico stato, del suo territorio e di una società complessa, nei quali non mancarono contraddizioni, nuovi fermenti e antiche debolezze. La Serenissima, infatti, non divenne mai una nazione moderna, nel senso che oggi si dà a questa espressione. La metropoli di Venezia rimase fino all’ultimo e in modo consapevole non una capitale, bensì la Dominante. Particolarismo e policentrismo sono la chiave per capire i limiti e forse l’eredità profonda del suo dominio, da Corfù fino all’Adda. La debolezza della Repubblica di fronte ai grandi stati europei si rivelò nel Settecento tanto più evidente in quanto frutto dell’evoluzione di una città-stato ferma nei suoi caratteri fondamentali a due secoli prima, quando aveva raggiunto il vertice della sua potenza.

Tuttavia, se a mancare in larga misura furono le riforme in campo politico e sociale, sul piano socio-economico la Terraferma veneta fu molto meno “contadina” di quanto si sia spesso supposto e tutt’altro che chiusa in se stessa. Altrettanto si può dire, in questo senso, sotto il profilo culturale: la stagione dell’Illuminismo veneto fu vivace e feconda di idee, di progetti e di realizzazioni, come dimostra l’opera di Carlo Goldoni o la fioritura di gazzette e giornali.

  • 1. A cosa serve questo libro (p. 7)
  • 2. Il territorio
  • 1. I caratteri (p. 13). 2. I confini (p. 14). 3. Le montagne (p. 20). 4. I boschi (p. 22). 5. Il sistema idrografico (p. 25). 6. Il mare (p. 29).
  • 3. La politica
  • 1. Il governo (p. 33). 2. Il policentrismo (p. 36). 3. La fiscalità (p. 39). 4. La politica estera (p. 42).
  • 4. La popolazione e l’agricoltura
  • 1. Il potenziale demografico (p. 51). 2. Il lavoro e la produzione agri- cola (p. 57). 3. La proprietà e la conduzione della terra (p. 62). 4. L’allevamento ovino (p. 66).
  • 5. Economia e società della Dominante
  • 1. Il commercio e i servizi (p. 71). 2. Il porto e la marina (p. 76). 3. Le manifatture e l’arsenale (p. 80). 4. Gli ospedali e le confraternite (p. 88).
  • 6. Economie e società del Dominio
  • 1. Le città della Terraferma (p. 93). 2. I poli e i distretti protoindustriali (p. 101). 3. L’Istria, la Dalmazia e i domini marittimi (p. 105).
  • 7. La vita culturale e le riforme
  • 1. L’Illuminismo nel Veneto (p. 117). 2. Le riforme religiose (p. 121). 3. La riforma del sistema corporativo (p. 124). 4. Le altre riforme in campo economico (p. 128). 5. Le riforme in campo educativo (p. 131).
  • 8. Epilogo
  • 1. L’arrivo dell’armata repubblicana francese (p. 137). 2. La fine della Repubblica aristocratica (p. 140). 3. La controversa eredità (p. 145).
  • Bibliografia (p. 151)
  • Indice dei nomi di persona e di luogo (p. 171)

Walter Panciera

Walter Panciera insegna Storia moderna e Didattica della storia presso l’Università di Padova. È autore di numerosi lavori di storia economica, sociale e della tecnologia, in particolare sulla Repubblica di Venezia, e di un fortunato manuale per la formazione degli insegnanti.

Walter Panciera teaches Modern History, Didactics of History and History of the Republic of Venice at the University of Padua. He is the author of several monographs and numerous contributions on economic, political, social and technological history and of two manuals for the training of history teachers.

Forse ti interessa anche