Il Piemonte risorgimentale nel periodo preunitario

a cura di Frédéric Ieva
Collana: I libri di Viella, 197
Pubblicazione: Aprile 2015
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 220, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788867283972
€ 27,00 -15% € 22,95
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 22,95
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788867287420
€ 15,99
Acquista Acquista Acquista

Gli anni che vanno dal 1821 al 1848 furono molto intensi per la società piemontese. Pochi anni dopo il Congresso di Vienna infatti esplosero a Torino dei moti, duramente repressi da Carlo Felice re di Sardegna, il quale esautorò il nipote Carlo Alberto, reo di aver prestato ascolto ai rivoltosi e di averne sostenuto la richiesta di una Costituzione. In seguito, una volta salito al trono, Carlo Alberto adottò un prudente atteggiamento legittimista, e solo alla fine del suo regno promulgò lo Statuto albertino.
Furono anni caratterizzati, da un punto di vista socio-politico, da diverse associazioni segrete di forte ispirazione buonarrotiana, dall’attività cospirativa di Mazzini, dall’afflusso dei primi esuli e dalla fondazione di alcuni giornali, come le «Letture popolari» di tendenze democratiche ma che mal si sposavano con le teorie mazziniane. In questo clima piuttosto effervescente si innestò la riforma dell’università, con la riorganizzazione sia delle materie scientifiche sia di quelle umanistiche e l’istituzione di nuove cattedre di Storia e di Economia politica. Questi e altri aspetti della società piemontese sono stati esaminati da un gruppo di studiosi con l’intento di illustrare e di comprendere meglio come il Regno di Sardegna si sia preparato al 1848.

  • Abbreviazioni
  • Frédéric Ieva, Introduzione
  • Giuseppe Ricuperati, L’Unità d’Italia attraverso lo stato sabaudo e le radici settecentesche di questo processo
  • Adriano Viarengo, Un progetto politico fortunato: fare una rivoluzione italiana con un re
  • Ester De Fort, Da terra di persecuzioni a terra di asilo: il Piemonte e l’emigrazione politica dalla rivoluzione del 1821 al Quarantotto
  • Enrico Genta, Cavour e l’amministrazione comunale e provinciale: il progetto Santarosa del 1858
  • Piero Del Negro, Gli alti ufficiali dell’esercito piemontese nelle campagne del 1848, 1849 e 1859: origini sociali e geografiche
  • Marco Novarino, Le società segrete in Piemonte
  • Silvano Montaldo, Risorgimento e scienza. Uomini e istituzioni nel Piemonte preunitario
  • Andrea Villa, Rapporti tra scienziati italiani e inglesi nel Risorgimento
  • Frédéric Ieva, La formazione di Ercole Ricotti. Dalle scuole di latinità alla cattedra di Storia moderna
  • Giovanni Assereto, Genova dall’opposizione alla collaborazione
  • Indice dei nomi
Forse ti interessa anche