Una famiglia, un santo, una città

Ambrogio Sansedoni e Siena

Odile Redon
A cura di Sofia Boesch Gajano
Collana: Sacro/santo, 23
Pubblicazione: Settembre 2015
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 168, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788867284542
€ 24,00 -15% € 20,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 20,40

Ambrogio Sansedoni (1220-1287), appartenente per nascita alla classe dirigente del Comune di Siena, abbraccia la vita religiosa nell’Ordine dei Predicatori e diviene famoso predicatore. Odile Redon inserisce la sua figura, in vita e in morte, nel contesto della storia senese: animazione delle confraternite, al servizio dei poveri e dei malati, contrasto all’usura, liberazione dall’interdetto che aveva colpito la città ghibellina, suscitando un moto popolare e comunale di gratitudine, che si esprime nella corsa di cavalli premiata con un palio.

La ricostruzione del percorso volto al riconoscimento della santità attraverso fonti documentarie e agiografiche costituisce uno degli aspetti più innovativi di questo volume, che, dall’osservatorio particolare di una famiglia e di un suo illustre esponente, getta luce sulla storia sociale, politica, religiosa di Siena.

  • Ambrogio Sansedoni, beato dell’Ordine dei Predicatori: il polittico di Odile Redon di Sofia Boesch Gajano
  • 1. Costruire una famiglia nel medioevo. Cavalieri, banchieri e un santo
  • 2. Il padre del beato. Bonatacca Tacche, consigliere senese e podestà imperiale
  • 3. Un santo che amava le donne
  • 4. I miracoli di Ambrogio nella testimonianza degli atti notarili senesi
  • 5. Un culto civico o familiare?
  • Opere citate
  • Ambrogio Sansedoni. Qualche riflessione sull’iconografia di Anna Maria Guiducci

Odile Redon

Odile Redon (1936-2007) è stata professoressa di Storia medievale all’Università di Paris VIII. Ha studiato approfonditamente la Toscana medievale e Siena in particolare. Tra i suoi libri tradotti in italiano: Uomini e comunità del contado senese nel Duecento (Siena, 1983) e A tavola nel Medioevo (con Françoise Sabban e Silvano Serventi; Roma-Bari, 1995). Per la Viella ha curato Testimonianze medioevali per la storia dei comuni del Monte Amiata (con Nello Barbieri; Roma 1989).

Sofia Boesch Gajano

Sofia Boesch Gajano ha insegnato Storia medievale nelle Università di Siena, L’Aquila e Roma Tre. Ha fondato e presieduto per molti anni l’Associazione italiana per lo studio della santità, dei culti e dell’agiografia (Aissca); è direttore responsabile della rivista «Sanctorum». Ha fondato e presiede il Centro Europeo di Studi Agiografici con sede a Rieti. Tra i suoi ultimi lavori ricordiamo La santità (Laterza, 1999); Storia della direzione spirituale, II, L’età medievale (Morcelliana, 2010); Santuari d’Italia, Il Lazio (De Luca, 2010).

Forse ti interessa anche