Dopo il 16 ottobre

Gli ebrei a Roma tra occupazione, resistenza, accoglienza e delazioni (1943-1944)

a cura di Silvia Haia Antonucci e Claudio Procaccia
Collana: I libri di Viella, 258
Pubblicazione: Settembre 2017
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 384, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788867284870
€ 35,00 -15% € 29,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 29,75

La raccolta di saggi presentata in questo volume nasce da un’iniziativa della Fondazione Museo della Shoah, che ha coinvolto la Comunità Ebraica di Roma e il suo Archivio Storico per ricostrui­re le vicende degli ebrei durante l’occupazione nazifascista della capitale nel periodo successivo alla prima grande retata fino alla liberazione della città (4 giugno 1944). Il proposito è quello indagare di le dinamiche che caratterizzarono le diverse fasi delle deportazioni e di comprendere come molti ebrei riuscirono a sfuggire alla «caccia all’uomo» organizzata dai nazifascisti. Attraverso la comparazione tra la prima retata e le successive catture si delinea infatti con chiarezza lo spartiacque determinato dallo shock della mattina del 16 ottobre 1943 in termini di organizzazione della clandestinità. Decisivi furono il ruolo delle istituzioni laiche e religiose, e l’atteggiamento della cittadinanza nelle sue diverse declinazioni tra i poli opposti dell’accoglienza e della solidarietà, da una parte, e del collaborazionismo e della delazione, dall’altra. Emerge così un più nitido profilo dei deportati romani e degli ebrei di varia provenienza presenti in città, che restituisce volto, storia e dignità a coloro che gli occupanti volevano ridotti a meri numeri.


Sul sito dell'ASCER è stato pubblicato il database a cui fa riferimento il volume. Nella sezione "Consulta online gli articoli ed i volumi fuori commercio dell’ASCER" è possibile consultare i seguenti documenti

– Database ASCER concernente l’elenco degli ebrei di Roma inviati nei Lager e gli ebrei di altra provenienza ma arrestati nella capitale dopo la razzia del «Sabato nero» realizzato da Micol Ferrara, Amedeo Osti Guerrazzi con la collaborazione di Marcello Anticoli, Silvia Haia Antonucci, Claudio Procaccia e Amedeo Spagnoletto:

0. legenda delle abbreviazioni utilizzate nel Database

1. persone coinvolte nella retata del 16 ottobre 1943

2. deportati di e da Roma dopo il 16 ottobre

3. arrestati a Roma e non deportati

4. ebrei non romani catturati fuori dalla capitale e detenuti a Roma

5.-6. casi dubbi relativi ai deportati nella razzia del 16 ottobre e nel periodo successivo

Daniele Spizzichino, Indagine sulle condizioni di vita degli ebrei a Roma durante l’occupazione nazifascista. Questionario somministrato a 250 persone iscritte alla Comunità Ebraica di Roma nel 2013 nate prima del 1938 che al momento del periodo dell’occupazione avevano almeno 5 anni di età e che durante l’occupazione nazista hanno vissuto a Roma o nel Lazio, o che avevano la residenza a Roma o nel Lazio al 16 ottobre 1943 anche se, a seguito degli avvenimenti, si nascosero al di fuori della regione

  • Leone Paserman, Presentazione
  • Ruth Dureghello, Presentazione
  • Giorgia Calò, Presentazione
  • Silvia Haia Antonucci e Claudio Procaccia, Introduzione
  • Amedeo Osti Guerrazzi, La persecuzione degli ebrei a Roma. Carnefici e vittime
  • Daniele Spizzichino, Indagine sulle condizioni di vita degli ebrei a Roma durante l’occupazione nazifascista
  • Silvia Haia Antonucci e Claudio Procaccia, Un profilo dei deportati
  • Appendice
    • Le attività della DELASEM nelle carte dell’Archivio Storico della Comunità Ebraica di Roma di Silvia Haia Antonucci
  • Bibliografia
  • Indice dei nomi
  • Gli autori

Il volume è stato pubblicato grazie al contributo della Fondazione Museo della Shoah, del Dipartimento Beni e Attività Culturali e dell’Archivio Storico «Giancarlo Spizzichino» della Comunità Ebraica di Roma e dell’8 per mille dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane

Silvia Haia Antonucci

Silvia Haia Antonucci è responsbile presso l'Archivio Storico della Comunità Ebraica di Roma «Giancarlo Spizzichino».

Amedeo Osti Guerrazzi

Amedeo Osti Guerrazzi (Roma 1967), storico, ha collaborato con l’Istituto Storico Germanico di Roma. Si occupa di storia del fascismo. Ultimamente ha curato la pubblicazione, assieme a Lutz Klinkhammer e Thomas Schlemmer, del volume Die ‘Achse’ im Krieg (Schönigh, 2010). Il suo libro più recente è Noi non sappiamo odiare. L’esercito italiano tra fascismo e democrazia (Utet, 2010).

Claudio Procaccia

Claudio Procaccia è direttore del Dipartimento per i Beni e le Attività Culturali della Comunità Ebraica di Roma

Forse ti interessa anche