Gubbio nel Trecento

Il comune popolare e la mutazione signorile (1300-1404)

Alberto Luongo
Collana: Italia comunale e signorile, 9
Pubblicazione: Settembre 2016
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 740, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788867285709
€ 42,00 -15% € 35,70
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 35,70
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788867287918
€ 24,99
Acquista Acquista Acquista
ePUB con Adobe DRM
ISBN: 9788867287901
€ 24,99
Acquista Acquista Acquista

Tradizionalmente diviso a metà fra gli ultimi sussulti comunali e le premesse signorili del Rinascimento, con al centro una crisi demografica di portata epocale dovuta alla Peste Nera, il Trecento italiano è stato raramente oggetto di monografie che abbiano provato a considerarlo nel suo insieme. Il finora poco conosciuto caso di Gubbio, con la sua ricca documentazione, si presta bene ad un tentativo del genere, che tenga conto di prospettive storiografiche aggiornate. La città umbra fu infatti il teatro di molti fenomeni caratteristici del periodo: il massimo sviluppo del comune di Popolo, i tentativi di governo personale, la soggezione diretta allo Stato pontificio, fino alla “mutazione signorile” con la dedizione della città al conte Antonio da Montefeltro, che inaugurò il dominio secolare della sua stirpe.

  • Introduzione
  • 1. Le pietre e gli uomini
    • 1. La città e i suoi spazi
    • 2. Quanti abitanti?
  • 2. La nobiltà e il Popolo
    • 1. La nobiltà
    • 2. Il Popolo: giudici e notai
    • 3. Il Popolo: mercanti, professionisti e uomini d’affari
    • 4. Alcune osservazioni conclusive
  • 3. Il comune popolare, il ventennio pontificio, le esperienze signorili (1300-1383)
    • 1. Un’idea di comune
    • 2. Nobiltà cittadina e consolidamento delle istituzioni di Popolo (1300-1325)
    • 3. Il comune popolare maturo (1326-1348)
    • 4. I postumi della crisi e la signoria di Giovanni di Cantuccio Gabrielli (1349-1354)
    • 5. Il ventennio pontificio (1354-1375)
    • 6. La restaurazione popolare (1375-1378)
    • 7. La diarchia di Gabriele e Francesco Gabrielli (1379-1383)
  • 4. Il piano di Antonio da Montefeltro (1384-1404)
    • 1. L’anno di transizione
    • 2. Da gubernator a dominus: la mutazione signorile
  • Conclusioni
  • Fonti e bibliografia
  • Indice dei nomi e dei luoghi

Alberto Luongo

Alberto Luongo è assegnista di ricerca presso l’Università di Pisa. Si occupa in particolare di storia delle città dell’Italia centro-settentrionale fra XII e XIV secolo

Forse ti interessa anche
  • Competenze, conoscenze e saperi tra professioni e ruoli sociali (secc. XII-XV)
    a cura di Lorenzo Tanzini e Sergio Tognetti
    2016, pp. 460
    € 44,00 -15% € 37,40
  • Potere e relazioni politiche in Toscana e nelle terre della Chiesa (1263-1335)
    Pierluigi Terenzi
    2019, pp. 384
    € 30,00 -15% € 25,50
  • Memoria e immaginario politico dei cavalieri-cittadini (secoli XII-XIII)
    Enrico Faini
    2018, pp. 232
    € 27,00 -15% € 22,95
  • Controllo del territorio e repressione del crimine nell’Italia comunale (secoli XIII-XIV)
    Paolo Grillo
    2017, pp. 148
    € 17,00 -15% € 14,45