San Lorenzo fuori le mura

Storia del complesso monumentale nel Medioevo

Daniela Mondini
Traduzione e cura di Giorgia Pollio
Collana: I libri di Viella. Arte
Pubblicazione: Giugno 2016
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 216, 17x24 cm, bross., XXVIII tav. col.
ISBN: 9788867285716
€ 45,00 -15% € 38,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 38,25

La basilica del Verano, costruita sulle sepolture di santi martiri tra i quali spiccava Lorenzo, è stata concepita fin dalla fondazione come meta imprescindibile di pellegrinaggio. Nel corso dei secoli, il suo prestigio è stato costantemente riaffermato, accrescendo il patrimonio di reliquie e riadattando le sue strutture alle aspettative dei pellegrini e ai bisogni di rappresentanza della Chiesa trionfante del Medioevo centrale romano. Il volume ripercorre la storia edilizia del complesso monumentale dall’epoca paleocristiana, mettendo a fuoco il momento saliente dell’intervento che, a cavallo del 1200, portò all’inversione dell’orientamento liturgico e a un eccezionale ampliamento mediante l’aggiunta di un nuovo corpo basilicale, realizzando un edificio che costituisce la testimonianza meglio conservata dello splendore dell’attività edilizia e dell’arte cosmatesca di Roma papale all’apice del suo potere.

  • Prefazione
  • 1. Storia e vicende edilizie
    • 1. Epoca paleocristiana; 2. La basilica pelagiana e le trasformazioni fino al 1050; 3. I cambiamenti strutturali tra 1050 e 1200; 4. La grande trasformazione (ca. 1194-1254); 5. Le modifiche moderne
  • 2. L’esterno dell’edificio
    • 1. Le murature; 2. La facciata occidentale; 3. Il portico; 4. I portali
  • 3. Lo spazio interno dell’aula occidentale
    • 1. L’architettura; 2. Il pavimento della navata centrale; 3. I pulpiti e il basso coro (schola cantorum)
  • 4. Il coro superiore
    • 1. Il ciborio e l’altare maggiore; 2. Il pavimento; 3. La cattedra; 4. I plutei; 5. I banchi presbiteriali con i leoni in marmo; 6. Il deambulatorio
  • 5. La cripta, la tomba dei santi e le catacombe
    • 1. La cripta; 2. La tomba dei martiri Stefano e Lorenzo; 3. Incremento e promozione del patrimonio di reliquie della basilica; 4. Le catacombe e il relativo altare
  • 6. I fabbricati annessi
    • 1. Il portico meridionale; 2. La torre campanaria; 3. Il monastero e il chiostro
  • 7. I monumenti sepolcrali
    • 1. Le epigrafi funebri più antiche (X-XI secolo); 2. Le tombe a baldacchino; 3. La tomba del cardinale diacono Guglielmo Fieschi; 4. L’antico sarcofago a tralci di vite – sepoltura di Damaso II (m. 1048); 5. Le lapidi tardomedievali
  • 8. Conclusioni
    • 1. Il presumibile aspetto della basilica attorno al 1100; 2. La basilica dopo il 1148; 3. La basilica nell’anno della consacrazione 1254
  • Appendice documentaria
  • Bibliografia
  • Indice dei nomi di persona e di luogo

Daniela Mondini

Daniela Mondini insegna Storia dell’arte medievale presso l’Università della Svizzera italiana. Dal 2002 collabora al “Corpus Cosmatorum” di P.C. Claussen Die Kirchen der Stadt Rom im Mittelalter, 1050-1300, del quale ‒ con C. Jäggi e lo stesso Claussen ‒ sta curando il IV volume contenente le chiese dalla M alla O. Ha pubblicato saggi sull’arte e l’architettura romanica e gotica, sulla storiografia e la fortuna critica dell’arte medievale.

Forse ti interessa anche