La legittimità contesa

Costruzione statale e culture politiche (Lombardia, secoli XII-XV)

Andrea Gamberini
Collana: La storia. Temi, 54
Pubblicazione: Settembre 2016
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 293, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788867286775
€ 29,00 -5% € 27,55
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 27,55
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788833135595
€ 16,99
Acquista Acquista Acquista
ePUB con Adobe DRM
ISBN: 9788833135601
€ 16,99
Acquista Acquista Acquista

L’attenzione per le culture politiche è una delle prospettive che più radicalmente ha rinnovato gli studi di storia dei rapporti di potere negli ultimi anni. In questa chiave, il libro rivisita i fenomeni di genesi della nuova statualità nei secoli XII-XV: andando oltre i funzionamenti istituzionali, i meri rapporti di forza, l’analisi si concentra sulle visioni – non necessariamente coerenti ma profondamente radicate – che i diversi attori sulla scena svilupparono dell’autorità legittima, del bene comune, della rappresentanza, della decisione. Protagonisti furono dunque non solo i giuristi al servizio della città, i duchi e i loro cancellieri, ma anche gli abitanti delle campagne, le comunità: ne scaturisce così un dibattito a più voci che l’autore ricostruisce prestando attenzione non unicamente alle ragioni dei vincitori. Dallo sviluppo dell’autonomia urbana alla stabilizzazione dello stato regionale il confronto sui valori e sulle idealità fu infatti sempre aperto e questo libro ne offre per la prima volta una ricostruzione complessiva.

  • Introduzione
  • I. Verso la statualità comunale
    • 1. All’origine della divaricazione fra città e campagna
    • 2. Il comune cittadino e l’assunzione di un ruolo pubblico
    • 3. L’espansione urbana e la costruzione del territorio tra sperimentazioni e concettualizzazioni
    • 4. Culture politiche della città e del territorio: alcune affinità originarie
    • 5. Alcuni pilastri dell’ideologia cittadina e comunale
    • 6. Tra unitas ed aequalitas: l’ideologia della rappresentanza
    • 7. Gli ideologi della cultura politica comunale
    • 8. Esperienze di governo personale tra fazioni e Popolo: la tenuta del comune
    • 9. Verso lo scontro. La cultura politica e giuridica del comune si fa egemonica
      • 9.1. Il diritto come strumento legislativo; 9.2. Il diritto come strumento dottrinale; 9.3. Il diritto come strumento giudiziario
    • 10. Le culture politiche del contado: preminenza aristocratica e subordinazione rusticana
    • 11. I comuni rurali e la cultura delle pratiche
  • II. Verso lo stato regionale
    • 1. Nuovi scenari e vecchie questioni
    • 2. L’ascesa della potenza viscontea, fra legittimazioni dal basso e aneliti maiestatici
    • 3. L’ideologia dello stato regionale
    • 4. Il diritto come campo di tensione
      • 4.1. Il diritto come strumento legislativo; 4.2. Il diritto come strumento consulente; 4.3. Il diritto come strumento giudiziario
    • 5. Qui bene distinguit bene gubernat
    • 6. Le aristocrazie territoriali, fra spinte dal basso e inquadramento dall’alto
    • 7. I fondamenti del potere signorile nelle campagne
    • 8. Guelfi e ghibellini: un’altra idea di legittimità
    • 9. Pacta servanda sunt. La cultura politica del contrattualismo
  • Nota conclusiva
  • Bibliografia
  • Indice dei nomi e dei luoghi

Andrea Gamberini

Andrea Gamberini è professore di Storia medievale presso l’Università di Milano. Con i nostri tipi ha pubblicato, fra gli altri, La città assediata. Poteri e identità politiche a Reggio in età viscontea (2003), Oltre le città. Assetti territoriali e culture aristocratiche nella Lombardia del tardo medioevo (2009) e il volume, curato con Isabella Lazzarini, Lo Stato del Rinascimento in Italia. 1350-1520 (2014).

Forse ti interessa anche