«Un occhio finissimo»

Wilhelm R. Valentiner (1880-1958) storico dell'arte tra Germania e Stati Uniti

Marco M. Mascolo
Collana: La storia dell'arte. Temi, 2
Pubblicazione: Maggio 2017
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 284, 24 tav. b/n f.t., 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788867288120
€ 32,00 -15% € 27,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 27,20

Il volume ripercorre le vicende di Wilhelm Reinhold Valentiner (1880-1958), storico dell’arte tedesco formatosi nella Germania di inizio Novecento, dal 1908 a capo di una sezione del Metropolitan Museum di New York.

A partire da quel cruciale momento, si ricostruiscono gli anni che Valentiner trascorse nella Germania di Weimar (1914-1921) dove, a Berlino, fu al fianco degli artisti espressionisti, per seguire poi i primi anni in cui lo studioso diresse il Detroit Institute of Arts.

Attraverso queste pagine, oltre alla vicenda di Valentiner, si propone anche una ricostruzione del dialogo tra due culture (quella europea e quella statunitense) attorno al tema del valore del museo e sui metodi della Storia dell’arte in quella irripetibile stagione culturale che ancora ci influenza.

  • Introduzione
  • Una cornice biografica
  • 1. Da Berlino a New York. Valentiner e la Rembrandtforschung
    • 1. «Più moderno dei moderni». Rembrandt, tra Otto e Novecento
    • 2. Wilhelm Valentiner e la “modernità” di Rembrandt
    • 3. La prima formazione: la tesi dottorale e la collaborazione con Cornelis Hofstede de Groot
    • 4. Al fianco di Bode, nei Musei di Berlino (1906-1908)
    • 5. «The most gifted and best equipped young student of art that I ever had in the Museum»: l’arrivo di Valentiner negli Stati Uniti
    • 6. «La mostra di arte olandese più eccezionale degli ultimi anni»
    • 7. «Art in America and Elsewhere»
  • 2. Negli anni di Weimar. Valentiner e l’Espressionismo
    • 1. New York 1923: «A Collection of Modern German Art»
    • 2. «Die Sehnsucht der Zeit ist eine neue Gotik»: temi e problematiche (primitivismo, religiosità, nazionalismo) tra Brücke e Blaue Reiter
    • 3. Propensioni contemporanee. Dagli anni di formazione all’Arbeitsrat für Kunst
    • 4. Il “problema” dei Musei
    • 5. «This marble book of art and beauty»: i primi anni a Detroit (1921-1927)
    • Appendice: Sì! Voci dell’Arbeitsrat für Kunst, Berlino 1919
  • 3. «Un occhio finissimo». Valentiner e la connoisseurship della scultura
    • 1. Presupposti
    • 2. Il modello di Bode: sculture per il museo, sculture nel museo
    • 3. Una lunga fedeltà: gli studi su Tino di Camaino
    • 4. Studi sulla scultura e sugli scultori: dagli anni dell’Espressionismo alle Origins of Modern Sculpture (1922-1946)
  • Bibliografia
  • Indice dei nomi

Marco M. Mascolo

Marco M. Mascolo si è formato all’Università di Siena e alla Scuola Normale Superiore di Pisa, e attualmente svolge la sua attività di ricerca presso il Kunsthistorisches Institut – Max-Planck-Institut di Firenze. Le sue ricerche si concentrano sull’arte europea tra Tre e Quattrocento e sulla storiografia artistica del Novecento. Tra le sue collaborazioni, le riviste «Annali della Scuola Normale Superiore», «Prospettiva», «Studi di Memofonte» e «Visual Resources».

Forse ti interessa anche