Storia di un diplomatico

Luca Pietromarchi al Regio Ministero degli Affari Esteri (1923-1945)

Gianluca Falanga
Collana: Alia, 3
Pubblicazione: Maggio 2018
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 436, 16 tav., 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788867289233
€ 33,00 -15% € 28,05
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 28,05

L’ambasciatore Luca Pietromarchi (1895-1978) è stato un protagonista della politica estera italiana durante il Ventennio: capo dello strategico Ufficio Spagna durante la guerra civile, dell’Ufficio Guerra economica allo scoppio della seconda guerra mondiale, fu anche direttore del Gabinetto Armistizio e Pace, e in quanto tale fra i principali funzionari responsabili della politica d’occupazione italiana nei Balcani.

Nel 1945 fu epurato, dal momento che la sua lunga carriera suggeriva conformismo e zelante servizio al fascismo. Tuttavia, attingendo a documenti e diari inediti conservati presso la Fondazione Einaudi, questo studio getta nuova luce sull’immagine granitica dell’uomo di regime, rivelando una realtà più sfaccettata: Pietromarchi aveva ispirato e guidato la “congiura diplomatica” che impedì la consegna di migliaia di ebrei jugoslavi ai nazisti, e nell’estate del 1943 aveva preparato le trattative segrete per l’abbandono dell’Asse.

  • Una storia difficile da raccontare
  • 1. «Quel Pietromarchi, della nobiltà più nera di Roma» (1923-1936)
  • 2. «Il Duce ha sempre ragione: quando parla la prima o la seconda volta?» (1936-1938)
  • 3. «Il mondo sarà delle tre giovani nazioni» (1939-1940)
  • 4. «La posta non è più il dominio d’Europa, ma il dominio del mondo» (1940-1941)
  • 5. «Questa guerra è lugubre». La congiura diplomatica contro l’Olocausto (1942)
  • 6. «Il nostro nemico è il Tedesco» (1943)
  • Epilogo (1944-1977)
  • Fonti e bibliografia
  • Indice dei nomi
  • Indice dei luoghi

Gianluca Falanga

Gianluca Falanga, studioso di storia contemporanea, vive e lavora a Berlino come libero ricercatore e consulente alla formazione politica presso diverse istituzioni museali della capitale tedesca. Tra i suoi libri, L’avamposto di Mussolini nel Reich di Hitler. La politica italiana a Berlino 1933-1945 (Tropea, 2011), Il Ministero della Paranoia. Storia della Stasi (Carocci, 2012) e Spie dall’est. L’Italia nelle carte segrete della Stasi (Carocci, 2014).

Forse ti interessa anche