Il pubblico dei santi

Forme e livelli di ricezione dei messaggi agiografici

A cura di Paolo Golinelli
Collana: Pubblicazioni dell’AISSCA, 3
Pubblicazione: Ottobre 2000
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 490, 14,5x21 cm, bross.
ISBN: 9788883340185
€ 39,00 -15% € 33,15
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 33,15

Le vite dei santi, con il complesso di segni che accompagna il messaggio agiografico, sono in grado di dirci molto non solo sul sentire religioso di una determinata epoca ma anche su tutta una serie di aspetti sui quali altre fonti tacciono o sono elusive.

Il volume esamina queste narrazioni dalla parte del pubblico al quale sono destinatate, nella sua diversificazione a livello sociale (genere, età, ruoli, mestieri, collocazione geografica e così via) e nella sua evoluzione attraverso il tempo, dal medioevo all’epoca contemporanea. Invertendo la prospettiva consueta – non dal “pulpito” ma dalla “navata” – oggetto di indagine è il consumatore più che il produttore di cultura.

  • Sofia Boesch Gajano, Premessa (p. 5-6).
  • Paolo Golinelli, Il pubblico di santi: uno sconosciuto inconoscibile? – Discorso di apertura (p. 7-22).
  • Antonio De Prisco, Il pubblico dei santi nei Miraculorum libri octo di Gregorio di Tours (p. 23-51).
  • Jürgen Petersohn, La Passio maior sancti Kiliani e i Franci Teutonici (p. 53-64).
  • Elisa Anti, Mondo contadino e vite dei santi: alcuni esempi dalle fonti agiografiche dell’Italia padana altomedievale (p. 65-78).
  • Anna Benvenuti, Le fonti agiografiche nella costruzione della memoria cronistica: il caso di Giovanni Villani (p. 79-104).
  • Antonio Ivan Pini, Santo vince, santo perde: agiografia e politica in Bologna medievale (p. 105-128).
  • André Vauchez, Le culte de saint Homebon du XIIe au XVIe siècle: intentions des promoteurs et modalités de sa réception (p. 129-139).
  • Daniele Solvi, Santi degli eretici e santi degli inquisitori. Intorno all’anno 1300 (p. 141-156).
  • Massimiliano Zanot, Lucchesio, Lucio, Lucchese. Moduli di adattamento alla ricezione del pubblico dei santi (p. 157-179).
  • Serena Spanò Martinelli, Destinatari illustri e semplici lettori. Il pubblico dei testi agiografici (secc. XV-XVI) attraverso le dediche (p. 181-192).
  • Miguel Gotor, Agiografia e censura libraria: la Vita di san Carlo Borromeo di G.P. Giussani (1610) (p. 193-226).
  • Fabio Bisogni, Il pubblico di san Nicola di Tolentino: le voci e i volti (p. 227-250).
  • Arnalda Dallaj, Aspetti della produzione figurativa per le Confraternite di S. Giuseppe nel Ducato di Milano agli inizi del Cinquecento (p. 251-283).
  • Genoveffa Palumbo, I miracoli promessi e negati. Le Meditationes di Nadal tra le domande della donna cananea e le parabole missionarie (p. 285-319).
  • Giuseppe Orlandi, La fallita «invenzione» di un santo. Rocchetta di Guiglia, 1756 (p. 321-366).
  • Gábor Klaniczay, I miracoli e i loro testimoni. La prova del soprannaturale (p. 367-386).
  • Carlo Prandi, Il pubblico dei santuari: il caso del santuario della Beata Vergine delle Grazie presso Mantova (p. 387-403).
  • Tommaso Caliò, Antisemitismo e culto dei santi in età contemporanea: il caso del beato Lorenzino da Marostica (p. 405-443).
  • Elio Mosele, Santi e santità nell’opera di Joris-Karl Huysmans (p. 445-457).
  • Odile Redon, Un pubblico di storici – Discorso di chiusura (p. 459-465).
  • Indice dei nomi (p. 467-489)

Atti del III convegno di studio dell’Associazione italiana per lo studio della santità, dei culti e dell’agiografia, Verona, 22-24 ottobre 1998

Forse ti interessa anche