«In partibus Anglie»

Cittadini romani alla corte inglese nel Duecento: la vicenda di Pietro Saraceno

Marco Vendittelli
Collana: La corte dei papi, 7
Pubblicazione: Aprile 2001
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 120, 14x21 cm, bross.
ISBN: 9788883340383
€ 11,00 -5% € 10,45
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 10,45

Pietro Saraceno, la cui vicenda storica viene qui ricostruita sulla base di una ricca documentazione, rappresenta un personaggio particolare nell’ambito della società romana del primo Duecento. Per oltre un trentennio egli offrì i suoi servigi alla monarchia inglese, che ricorse ampiamente a lui, cittadino romano, come uomo di fiducia presso la corte papale. Il favore accordatogli da Giovanni Senzaterra e da Enrico III, i suoi frequenti trasferimenti tra il regno inglese e Roma, la sua capacità di muoversi con sicurezza nelle intricate maglie della diplomazia anglo-papale, costituiscono anche l’occasione per trattare più in generale dei rapporti (soprattutto, ma non solamente) economici che i romani intrattennero con il regno inglese tra la seconda metà del XII secolo e la prima del successivo, ossia nel periodo che più di ogni altro nel Medioevo vide emergere la loro intraprendenza.

Questo breve saggio costituisce un contributo alla storia della città di Roma nei secoli centrali del Medioevo, che – per quanto in questi ultimi anni abbia subìto un profondo rinnovamento – necessita ancora di interventi mirati e dettagliati che mettano in luce singoli personaggi, quasi sempre ancora “da scoprire”, la cui intensa attività contrasta con la tradizionale visione di una società romana poco, o per nulla, dinamica.

  • Premessa
  • Tra la corte del papa e quella del re d’Inghilterra
    • Il contesto dell’élite sociale ed economica romana a cavallo tra XII e XIII secolo: linee di tendenza. Emissari della corona inglese a Roma: implicazioni finanziarie. Prestiti contratti da inglesi presso la curia papale. Romano di Nicola Romanuzi. Mercanti-banchieri romani in Inghilterra. Note.
  • Pietro Saraceno, “chi era costui?”
    • Alla corte di Giovanni Senzaterra. L’attività creditizia. Il favore di Enrico III, il beneficio del vescovo di Durham e la missione a Roma del 1218-1224. La missione in Francia nel 1225. Un decennio a Roma. Prigioniero dell’imperatore Federico II. Podestà di Arezzo? La discendenza. Note.
  • Appendice
    • 1. Testimonianze relative ai crediti concessi da mercanti-banchieri italiani ad inviati della corona inglese presso la curia papale durante la monarchia di Giovanni Senzaterra e per i primi trent’anni di regno di Enrico III
      2. Discendenza in linea maschile di Pietro Saraceno
  • Riferimenti cronologici
    Fonti
    Studi
    Indice dei nomi di persona e di luogo

Marco Vendittelli

Marco Vendittelli insegna Storia medievale presso l’Università di Roma Tor Vergata. La sua ricerca si incentra sullo sviluppo istituzionale, economico e sociale di Roma nei secoli centrali del medioevo, con particolare attenzione alla crescita del ceto dirigente cittadino, del quale studia le attività economiche, il coinvolgimento politico, il rapporto con la curia pontificia e il suo connotarsi nello spazio urbano. Tra le sue pubblicazioni più recenti: L’origine della Campagna Romana. Casali, castelli e villaggi nel XII e XIII secolo (con Sandro Carocci), Roma 2004; Lo statuto del castello di Campagnano del secolo XIII (con Cristina Carbonetti), Roma 2006.

Forse ti interessa anche