Sacro Cuore

Un culto tra devozione interiore e restaurazione cristiana della società

Daniele Menozzi
Collana: Sacro/santo, 5
Pubblicazione: Novembre 2001
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 320, 22 ill. b/n f.t., 14x21 cm, bross.
ISBN: 9788883340451
€ 26,00
Esaurito Esaurito Esaurito

Il culto al Sacro Cuore ha rappresentato, almeno fino al Concilio Vaticano II, una delle forme più diffuse e popolari della religiosità cattolica. Gli studi su tale fenomeno si sono per lo più soffermati sulle sue dimensioni devozionali, spirituali ed intimistiche, trascurandone la corposa dimensione politica. Questo volume si propone invece di ricostruire il processo di politicizzazione di tale forma di pietà. Già nei testi della visitandina Margherita Maria Alacoque – dalle cui rivelazioni prende il via, alla fine del Seicento, la straordinaria diffusione della devozione – il tema religioso presenta un nesso con la dimensione politica: il riconoscimento ufficiale del culto vi è esplicitamente collegato al successo militare e politico della monarchia francese. Questa iniziale caratterizzazione si arricchisce nel corso del Settecento di nuovi motivi e trova un punto di arrivo nell’epoca rivoluzionaria, quando qualche insorgenza antirepubblicana, in particolare quella vandeana, esprime attraverso l’immagine del Sacro Cuore il simbolo dell’opposizione cattolica ai principî dell’Ottantanove. Alla metà dell’Ottocento si avvia poi una nuova e decisiva fase: la pietà al Sacro Cuore risulta connessa all’instaurazione del regno sociale di Cristo – espressione con cui il mondo cattolico indica una convivenza prospera e felice perché soggetta alla direzione ecclesiastica – che viene presentato come l’obiettivo del laicato cattolico impegnato nella storia. Con Leone XIII tale prospettiva è assunta dal magistero pontificio. Essa persiste, pur declinata in relazione alle specifiche contingenze storiche del Novecento, nei suoi successori, fino a riemergere nell’insegnamento di Giovanni Paolo II, dove «il regno del s. Cuore» è indicato come rimedio ai mali della modernità politica e sociale.

  • Introduzione
    • Note.
  • I. Una devozione per «gli ultimi tempi»: aspetti politici nel cammino iniziale del culto al s. Cuore
    • 1. La dimensione politica nelle rivelazioni a Margherita Maria. 2. La prima diffusione della devozione: tra interpretazione intimistica e “partiti” ecclesiali. 3. Culto al s. Cuore e consenso politico alle monarchie. 4. Un emblema della rivolta gesuitica contro i sovrani? 5. Il s. Cuore e il principe «pio e illuminato»: l’intervento di Scipione de’ Ricci. 6. S. Cuore e Controrivoluzione. Note.
  • II. Il «regno sociale del s. Cuore»: una proposta per la lotta della chiesa contro liberalismo e socialismo
    • 1. Le origini della locuzione «regalità sociale». 2. Regalità sociale e politica cristiana. 3. Regno di Cristo e devozione al s. Cuore. 4. La penetrazione della devozione nelle associazioni cattoliche. 5. I molteplici significati politici del culto al s. Cuore. 6. Devozione al s. Cuore e ricostruzione della cristianità. Note.
  • III. Il «nuovo labaro di Costantino»: il s. Cuore e il progetto di restaurazione sociale di Leone XIII
    • 1. La «Société du règne social»: l’omaggio-ligio al s. Cuore. 2. L’atteggiamento di Roma. 3. L’apporto del p. Dehon: s. Cuore e democrazia cristiana. 4. Congressi eucaristici, omaggio al s. Cuore e regalità sociale. 5. L’enciclica Annum sacrum. Note.
  • IV. Per l’arbitrato pontificio sui conflitti: l’intronizzazione del s. Cuore nelle famiglie
    • 1. Le prime consacrazioni delle famiglie al s. Cuore. 2. L’incoronazione delle immagini del s. Cuore. 3. L’intronizzazione del s. Cuore nelle famiglie. 4. Gli interventi di Benedetto XV. 5. L’intronizzazione tra conquista delle istituzioni e mutamento di vita. Note.
  • Epilogo. La funzione politica del culto al s. Cuore nel magistero novecentesco
    • Note.
  • Sigle e abbreviazioni
  • Indice dei nomi

Daniele Menozzi

Daniele Menozzi è professore ordinario di Storia contemporanea alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Tra le sue ultime pubblicazioni, Chiesa e diritti umani (il Mulino, 2012), “Giudaica perfidia”. Uno stereotipo antisemita fra liturgia e storia (il Mulino, 2014) e I papi e il moderno (Morcelliana, 2016).

Forse ti interessa anche
  • a cura di Agostino Bistarelli e Roberto Pertici
    2019, pp. 296
    € 29,00 -15% € 24,65
  • Studi sull’opera di Roberto Vivarelli
    a cura di Daniele Menozzi
    2017, pp. 268
    € 30,00 -15% € 25,50
  • Atti dei convegni di studio
    (Trento, 8-9 aprile 2016 e Vicenza-Asiago, 27-28 maggio 2016)
    a cura d Francesco Bianchi e Giorgio Vecchio
    2016, pp. 560
    € 48,00 -15% € 40,80
  • Studi in onore di Giovanna Procacci
    A cura di Fabio Degli Esposti, Lorenzo Bertucelli e Alfonso Botti
    2012, pp. 448
    € 36,00 -15% € 30,60