Il papa e l’alchimia

Felice V, Guglielmo Fabri e l’elixir

Chiara Crisciani
Collana: La corte dei papi, 10
Pubblicazione: Novembre 2002
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 220, 14x21 cm, bross.
ISBN: 9788883340796
€ 19,00
Esaurito Esaurito Esaurito
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788883345906
€ 11,99
Acquista Acquista Acquista

Il libro traccia una sintetica storia dell’alchimia occidentale tra Medioevo e Umanesimo e delle sue figure maggiori (Alberto Magno, Ruggero Bacone, Raimondo Lullo), dei legami con la scienza medica, dei rapporti contrastati con la religione e con la Chiesa. In questo quadro il libro esamina poi, in particolare, l’interesse suscitato dall’alchimia nella corte papale del tardo Medioevo.

All’inizio del Quattrocento viene eletto al trono pontificio, col nome di Felice V, Amedeo VIII di Savoia: un tempo infaticabile promotore dell’ampliamento dello stato sabaudo, il duca aveva in seguito rinunciato al potere politico e si era fatto eremita, con una scelta che aveva colpito e affascinato i contemporanei. Il papa, ormai anziano e angustiato nell’animo, è anche sofferente nel corpo, tormentato da una dolorosa paralisi per la quale, a giudizio dei medici, non esistono cure. Tra i funzionari della corte pontificia occupa un ruolo di spicco il francese Guglielmo Fabri segretario del papa, medico, uomo fidato, esperto e colto. Con lui Felice V intreccia un dialogo sull’esistenza di terapie segrete, sul valore dell’oro potabile e dell’arte trasmutatoria, sulla “medicina filosofica chiamata elixir”. In questa cornice di dialogo di corte nasce il Liber de lapide philosophico di Guglielmo Fabri, un testo inedito di grande interesse per la storia dell’alchimia tra Medioevo e Rinascimento.

L’opera appare particolarmente significativa perché rappresenta un riassunto delle vicende dell’alchimia latina medievale, le cui teorie però sono sistemate ed esposte in un contesto in cui gli assetti e i rapporti tra le discipline stanno cambiando.

Il testo latino del Liber de lapide philosophico e la sua traduzione in italiano accompagnano lo studio.

  • Introduzione
  • I. L’alchimia in Occidente nel medioevo
    • 1. Alberto Magno, Ruggero Bacone e l’alchimia latina. 2. La «quaestio de alchimia». 3. I giuristi e le corti. 4. Un sapere filosofico e operativo: ‘filosofia del trasformare’. 5. Doti e formazione dell’alchimista. Note.
  • II. Dottrine alchemiche
    • 1. La trasmutazione. 2. L’alchimia medicale. 3. Alchimia e medicina. Note.
  • III. Alchimia donum Dei: tra religiosità e Chiesa
    • 1. Alchimia e religiosità2. Divieti e condanne. 3. L’alchimia per i papi. Note.
  • IV. Felice V, Guglielmo Fabri e il Liber de lapide philosophorum
    • 1. Alchimia nel Quattrocento. 2. Guglielmo Fabri e Felice V. 3. Le teorie di Fabri. Note.
  • V. Trasmutazione ed etica
    • 1. Fabri e l’alchimia metallurgica. 2. L’alchimista virtuoso e i tiranni. Note.
  • VI. La «leggenda» di Lullo e l’oro potabile
    • 1. La storia di ‘Lullo’ e di Edoardo. 2. L’oro potabile. Note
  • VII. Elixir: erudizione, medicina e magia
    • 1. Le parole occulte. 2. Medici e alchimia nel Quattrocento. 3. Magia e alchimia. Note.
  • Testo
    • Nota al testo, a cura di Franco Bacchelli
    • Liber de lapide philosophorum
      II libro sulla pietra dei filosofi (traduzione)
    • Note al testo latino
      Note al testo italiano
  • Bibliografia
    • Testi
      Studi
  • Indice dei manoscritti
    Indice dei nomi
Forse ti interessa anche
  • Il Memoriale di Francesco Bentaccordi, fiorentino in Provenza (1400 ca)
    Aa.Vv.
    2016, pp. 532
    € 90,00 -5% € 85,50
  • Roma barocca fra vecchi e nuovi mondi
    Sabina Brevaglieri
    2019, pp. 476
    € 49,00 -5% € 46,55
  • Da Porta Pia ai Patti Lateranensi
    Maria Iolanda Palazzolo
    2016, pp. 164
    € 20,00 -5% € 19,00
  • Bonaiuto da Casentino e Bonifacio VIII
    Marco Petoletti
    2016, pp. 220
    € 27,00 -5% € 25,65