Archeologia del manoscritto

Metodi, problemi, bibliografia recente

Marilena Maniaci
Collana: I libri di Viella, 34
Pubblicazione: Novembre 2002
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 292, 14x21 cm, bross. (1ª ristampa 2005)
ISBN: 9788883340819
€ 23,00 -15% € 19,55
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 19,55

All’epoca in cui il manoscritto era il veicolo normale della cultura, quando il lettore ne era anche non di rado allestitore, copista e ancora più spesso committente, la frattura fra la fabbricazione dell’oggetto e la fruizione del testo era poco marcata: tutti o quasi tutti i lettori di un libro ne conoscevano perfettamente la struttura «nascosta» e le modalità della fabbricazione. Dopo l’avvento della stampa, e ancor più oggi con i progressi galoppanti della tecnologia, la frattura è diventata irreparabile. L’intero retroterra materiale del libro medievale – occidentale, bizantino o di altro contesto – è perciò da riscoprire, ed è questo il compito dell’archeologia del manoscritto, cioè della scienza che ha come obiettivo l’osservazione dell’oggetto-libro.

La conoscenza di questo “oggetto” è indispensabile non solo allo storico del libro, ma anche a tutti coloro – paleografi, filologi, storici dell’arte e della cultura scritta, studiosi, studenti o semplici curiosi – che si interrogano sulla materialità, la genesi e la storia di questo o quel codice. Ad essi è indirizzato in primo luogo questo volume: non un manuale di codicologia, ma un «volgarizzamento» della disciplina. La ricchezza delle problematiche affrontate e l’ampiezza del corredo bibliografico rappresentano anche un utile supporto all’insegnamento universitario della paleografia e della codicologia, nonché alla pratica quotidiana di bibliotecari e restauratori, per i quali le conoscenze storiche e archeologiche sono indispensabili alla conservazione e tutela dei beni loro affidati.

  • Premessa
  • I. Orientamenti e problematiche della ricerca codicologica
    • Origini lontane della codicologia. La codicologia come «scienza ausiliaria». Lo sviluppo dell’«archeologia del libro». La codicologia al servizio di conservazione e restauro. Codicologia, misure strumentali e tecniche di laboratorio. La codicologia quantitativa. Codicologia comparativa. Strumenti di lavoro. I manoscritti su Internet.
  • II. Supporti e materiali per la scrittura e la decorazione
    • Il papiro. La pergamena. La carta. Inchiostri e strumenti scrittori. Colori, strumenti e tecniche della decorazione.
  • III. La confezione del libro
    • Prima del codice. L’unità codicologica. La confezione dei fascicoli. La fascicolazione. La preparazione della pagina: foratura e rigatura. Sistemi di ordinamento e reperimento.
  • IV. Costruzione e utilizzazione della pagina
    • La «mise en page»: definizione della problematica. Dimensioni assolute e proporzione. Criteri e ricette di costruzione della pagina. Riempimento e sfruttamento della pagina. Tipologie specifiche di «mise en page». Tipi di rigatura e descrizione della «mise en page».
  • V. Il copista e il libro
    • La problematica del copista al lavoro. Il fascicolo durante la copia. L’«imposizione» nel libro manoscritto. Il copista e il tempo. L’organizzazione del lavoro: personaggi e operazioni. La divisione del lavoro: copie e modelli. Il sistema della pecia.
  • VI. La legatura
    • Le funzioni della legatura. La legatura come oggetto d’arte. Legatura, conservazione, restauro. Nuove prospettive di ricerca.
  • VII. La descrizione del manoscritto
    • La descrizione codicologica del manoscritto (storia, evoluzione, problemi). Tipologia e funzione dei cataloghi di manoscritti. I cataloghi di manoscritti datati L’avvenire del catalogo: nel regno di Utopia?
  • Bibliografia e sitografia
  • Indice degli autori

Con contributi di Carlo Federici e di Ezio Ornato

Marilena Maniaci

Marilena Maniaci insegna Storia del libro manoscritto presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli studi di Cassino.

Forse ti interessa anche