Mutui e risarcimenti del comune di Treviso (secolo XIII)

A cura di Alfredo Michielin
Collana: Fonti per la storia della Terraferma veneta, 20
Pubblicazione: Dicembre 2003
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 1460, 12 tav. f.t., 17x24 cm, ril.
ISBN: 9788883341182
€ 110,00 -15% € 93,50
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 93,50

Come nel caso de «Gli Acta comunitatis Tarvisii del sec. XIII» (volume 12 della collana ), l’edizione di questi documenti è possibile grazie all’opera dell’erudito trevigiano Vittore Scotti, che nel Settecento raccolse, con finalità essenzialmente conservative, materiale documentario che si stava deteriorando e che, abbandonato a sé stesso, sarebbe sicuramente andato perduto. Quello di cui si fornisce l’edizione è il terzo volume dello Scotti (ms. 661/III della Biblioteca Comunale di Treviso).

Rispetto al ms 611/II, precedentemente pubblicato, è più omogeneo e compatto dal punto di vista contenutistico, costituito com’è da un nucleo centrale di 20 fascicoli redatti nel 1275 da alcuni notai nei quali si tramanda un lungo elenco di obbligazioni in vista della restituzione di mutui (e risarcimento di danni subiti) certificate dagli ufficiali del comune di Treviso. Obbligazioni che, in esecuzione di una delibera del consiglio cittadino, vennero presentate dai creditori o dai loro eredi ai notai comunali in vista di un rimborso nel 1275, oltre 15 anni dopo la fine della dominazione albericiana ed ezzeliniana.

  • Presentazioni, di Giancarlo Galan e Ermanno Serrajotto (p. vii-ix)
  • Nota introduttiva di Alfredo Michielin e Gian Maria Varanini (p. xi-cxxviii)
    • I. Il ms. 661/III della Biblioteca Comunale di Treviso. II. I quaterni «de debitis veteribus comunis Tarvisii» redatti nel 1275. III. Mutui e risarcimenti del comune di Treviso negli anni Trenta e Quaranta. IV. Le altre unità documentarie del manoscritto 661/III: atti dell’estimaria, feudi, dazi. V. Nota all’edizione. Sigle archivistiche, fonti e bibliografia.
  • Tavole
  • Acta comunitatis Tarvisii (BCT, ms. 661/III)
    • I/A I quaterni del notaio Senzanome Lombardi (p. 3-637)
      • 1. Quaternus I Sençanomi. 2. Quaternus III Sençanomi. 3. Quaternus IIII Sençanomi. 4. Quaternus V Sençanomi. 5. Quaternus Vi Sençanomi. 6. Quaternus VIII Sençanomi. 7. Quaternus [...] Sençanomi. 8. Quaternus [...] Sençanomi.
    • I/B I quaterni del notaio Semprebene di Salomone (p. 639-1012)
      • 1. [Primus quaternus Semprebeni]. 2. Tercius quaternus Semprebeni. 3. Quartus quaternus Semprebeni. 4. Quintus quaternus Semprebeni. 5. Sextus quaternus Semprebeni. Appendice.
    • II. I quaterni di Andrea da Foligno e collaboratori (p. 1013-1174)
      • 1. x quaternus Iacobini. 2. viii quaternus Andree de Foligno. 3. x quaternus Andree de Foligno. 4. [xiii] quaternus Andree de Foligno.
    • III. [Quaternus de poderis et hereditatibus publicatis in conscilio exstimarie] (1266) (p. 1175-1202)
    • IV. Liber de investitura feudorum de Castrofranco (1262-1279) (p. 1203-1248)
    • V. [Quaternus daciorum panis et vini civitatis Tarvisii et districtus] (1288) (p. 1249-1261)
  • Indici, a cura di Anna Zangarini (p. 1263-1330)
    • Indice dei notai rogatari
      Indice dei nomi di persona
      Indice dei prestatori negli anni 1236-1238 e dei detentori dei titoli nel 1275
      Indice degli aventi diritto a risarcimento per danni
      Indice degli agenti per conto dei prestatori
      Indice delle magistrature del comune
      Indice dei nomi di luogo
  • Elenco delle tavole

Con una nota introduttiva di Alfredo Michielin e Gian Maria Varanini

Gian Maria Varanini

Gian Maria Varanini insegna Storia medievale all’Università di Verona. Si interessa di storia politica e sociale del tardo medioevo, di storia della storiografia, di fonti documentarie medievali.

Anna Zangarini

Anna Zangarini (Verona 1950) è docente atto di Editing alla facoltà di Lingue dell’Università di Verona. Ha svolto attività redazionale e di traduzione per numerose case editrici e istituzioni di ricerca, tra le quali il Museo di Castelvecchio di Verona, l’Istituto storico italo-germanico in Trento, il Centro studi sulla civiltà del tardo medioevo di San Miniato (per il quale ha curato curato il volume La morte e i suoi riti in Italia tra medioevo e prima eta moderna, 2007), la Fondazione Cariverona, e collabora a pubblicazioni di storia locale. È redattrice della collana “Il Rinascimento italiano e l’Europa” (Fondazione Cassamarca - Angelo Colla editore). Dal 2005 cura l’editing di “Reti Medievali Rivista”.

Forse ti interessa anche