Il controllo del sacro

Poteri e istituzioni concorrenti nella Palermo del Cinque e Seicento

Lina Scalisi
Collana: I libri di Viella, 42
Pubblicazione: Ottobre 2004
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 208, 14x21 cm, bross.
ISBN: 9788883341342
€ 20,00 -5% € 19,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 19,00
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788883346118
€ 12,99
Acquista Acquista Acquista

In Sicilia, nei decenni compresi tra gli anni ottanta del Cinquecento e la metà del Seicento, la riorganizzazione della chiesa si incrociò con le prerogative e le specificità di due istituzioni che invadevano, con le loro radici secolari, il terreno del sacro: il tribunale della Regia Monarchia, nato dal controverso privilegio dell’Apostolica Legazia, e l’Inquisizione di rito spagnolo.

Scegliendo come campo di osservazione la città di Palermo, il libro analizza la questione dell’impatto del Concilio di Trento attraverso la disamina di vari aspetti: i corpi capitolari, l’Inquisizione, la Regia Monarchia, l’azione delle gerarchie ecclesiastiche ordinarie e dei ceti dirigenti locali, la riforma dello spazio sacro.

Basandosi sul ricco contenzioso, viene così ricostruita la ricezione della normativa tridentina nella città alla luce dell’instancabile azione politico-giuridica esercitata, a più livelli, da vari attori sociali contro ciò che appariva come una minaccia dell’ordine costituito dalla consuetudine e dalla tradizione, negli stessi decenni in cui essi affrontavano gli effetti della riorganizzazione amministrativa attuata dal potere civile.

Sfoglia un'anteprima

Introduzione

1. La Sicilia al tempo del Concilio

1.1. Organizzazione e pratica dei sacramenti. 1.2. Palermo, città devota. 1.3. Quale Inquisizione? 1.4. Uomini di potere, cittadini della chiesa. Note.

2. Nella Sicilia del viceré Colonna: strategie e conflitti

2.1. Marco Antonio Colonna, viceré di Sicilia. 2.2. Il partito del viceré. 2.3. Di Spagna e di Roma. 2.4. «Difendere l’honore, la riputatione et l’autorità di questa. Città». Note.

3. Conforme alla consuetudine antica

3.1. L’arcivescovo di Palermo, Cesare Marullo. 3.2. Tra sospetti e resistenze. 3.3. Il sinodo di Ottaviano Precone. 3.4. Il nuovo sinodo. 3.5. Il conflitto. 3.6. Il ricorso a Roma. Note.

4. Gli spazi del sacro: la riforma delle parrocchie

4.1. Un capitolo, una cattedrale. 4.2. “Il collegio de’canonici della Real Cappella Palatina”. 4.3. Il riordino del sacro: riforma delle parrocchie e devozione collettiva. 4.4. Gli spazi dell’arbitrio. 4.5. I vincoli del patronato. Note.

5. L’invenzione della giurisdizione

5.1. Il genovese Giannettino Doria. 5.2. Il vescovado di Lipari. 5.3. L’invenzione della giurisdizione. 5.4. La reliquia di Santa Maria Maddalena. Note.

Conclusioni

Bibliografia
Indice dei nomi

Lina Scalisi

Lina Scalisi è professore ordinario di Storia Moderna presso l’Università di Catania. Le sue ricerche riguardano la storia politica e culturale dell’aristocrazia europea, la storia politica, la storia urbana e la storia socio-religiosa della Sicilia in età moderna, le migrazioni contemporanee. Dal 2013 è membro correspondiente della Real Academia de la Historia. Tra i suoi lavori più recenti Da Palermo a Madrid. Carlo Aragona Tagliavia e la questione delle Fiandre tra politica e diplomazia (Roma, 2019), Un secolo di fuoco. Il Seicento e l'Etna nel compendio di Natale di Pace (Catania, 2019) e la curatela de La storiografia della nuova Italia di Giuseppe Giarrizzo (Roma, 2018).

Forse ti interessa anche