Storia della santità nel cristianesimo occidentale

Anna Benvenuti, Sofia Boesch Gajano, Simon Ditchfield, Roberto Rusconi, Francesco Scorza Barcellona, Gabriella Zarri
Collana: Sacro/santo, 9
Pubblicazione: Marzo 2005
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 428, 14x21 cm, bross. (1ª rist. 2006)
ISBN: 9788883341373
€ 28,00 -15% € 23,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,80
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788883345944
€ 18,99
Acquista Acquista Acquista

La rilevanza conferita alla santità nella società contemporanea è l’esito di una lunga storia. Il culto dei santi fin dai primi secoli del cristianesimo ha rivestito un ruolo centrale dal punto di vista non solo religioso, ma anche sociale, politico e culturale.

Se nel periodo delle origini si trattò di un fenomeno esteso all’intera area del Mediterraneo, a partire dal medioevo, in particolare per il ruolo svolto dalla Chiesa romana nel riconoscimento ufficiale della santità, il culto dei santi ha acquisito in Occidente caratteristiche sempre più specifiche, destinate ad accentuarsi nel mondo cattolico dopo la Riforma protestante e il Concilio di Trento, coinvolgendo il continente americano e le altre terre di missione, e in maniera crescente in età contemporanea, in particolare durante il pontificato di Giovanni Paolo II.

Affidandosi a sei dei maggiori specialisti del settore, il volume propone una trattazione sistematica della santità e del culto dei santi, considerati nella loro interazione, mettendo a fuoco i prodotti culturali – letterari e artistici – che essi hanno ispirato, e che nello stesso tempo li hanno propagandati e perpetuati.\ \ Sfoglia un'anteprima

  • Premessa (p. 11-18)
  • I. Francesco Scorza Barcellona, Le origini (p. 19-89)
    • Dalla Chiesa di santi ai santi della Chiesa. 1. L’idea di santità nelle Scritture ebraiche e cristiane. 2. I martiri. 3. I confessori. 4. Culto dei santi e culto delle reliquie. 5. Le fonti dell’agiografia tardoantica. Una eredità per i secoli a venire. Orientamenti bibliografici.
  • II. Sofia Boesch Gajano, La strutturazione della cristianità occidentale (p. 91-156)
    • Nuovi spazi e nuove strutture. 1.Vita religiosa, agiografie e culti fra VI e VIII secolo. 2. Oggetti e strumenti della devozione. 3. Una santità aristocratica e istituzionale. 4. Riforma e conquista. 5. Antichi e nuovi spazi. Santità e sacralità fra accumulazione e complementarità. Orientamenti bibliografici.
  • III. Anna Benvenuti, La civiltà urbana (p. 157-221)
    • Mondo e sopramondo. 1. Culti patronali cittadini: continuità e trasformazioni. 2. La spiritualità laica tra ortodossia e eterodossia. 3. Nuovi protagonisti: gli ordini mendicanti. 4. Santità canonizzata, santità percepita, santità negata. 5. Scritture e immagini fra tradizione e innovazione. Un cielo troppo vicino alla terra. Orientamenti bibliografici.
  • IV. Gabriella Zarri, L’età rinascimentale (p. 223-260)
    • L’età del Rinascimento e la cristianizzazione della società. 1. Devotio moderna e Umanesimo cristiano. 2. Osservanza e Papato. 3. Santità profetica e visionaria. 4. Modelli, rappresentazioni, devozioni. 5. Critiche e contestazioni. Risposte e reazioni. Orientamenti bibliografici.
  • V. Simon Ditchfield, Il mondo della riforma e della controriforma (p. 261-329)
    • Verso nuovi assetti della cristianità. 1. Un approccio comparativo. 2. Una cristianità dinamica. 3. Appropriarsi del sacro. 4. La congregazione dei Riti e l’Inquisizione. 5. Liturgia, erudizione e culto dei santi. 6. Le terre di missione. 7. Il culto dei santi nell’età dei lumi. «C’è da presumere che questa pietosa commedia non finirà. molto presto». Orientamenti bibliografici.
  • VI. Roberto Rusconi, Una chiesa a confronto con la società: la politica della santità in età contemporanea (p. 331-386)
    • L’età delle rivoluzioni e la restaurazione dei culti. 1. Trasformazioni sociali e nuove forme di religiosità. 2. Santità vissuta e santità canonizzata. 3. Beatificazioni e canonizzazioni. 4. Culto mariano e culto dei santi. 5. I nuovi strumenti della devozione: santini e mass media. I santi: la medicina dell’anima?. Orientamenti bibliografici.
  • Opere citate (p. 387-427)

La traduzione del contributo di Simon Ditchfield è di Valentina Rusconi

Forse ti interessa anche