Lontano dalle città

Il Valdarno di Sopra nei secoli XII-XIII

A cura di Giuliano Pinto e Paolo Pirillo
Collana: Valdarno medievale. Studi e fonti, 1
Pubblicazione: Luglio 2005
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 396, 14x21 cm, bross.
ISBN: 9788883341502
€ 28,00 -15% € 23,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,80
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788883347177
€ 16,99
Acquista Acquista Acquista

Il libro analizza la storia dell’area del Valdarno di Sopra nel periodo precedente la definitiva sottomissione al Comune fiorentino quando, nel corso dei secoli XII e XIII, il territorio compreso tra Firenze ed Arezzo vedeva la consolidata presenza di cospicui enti ecclesiastici, di signorie laiche e le prime esperienze di istituzioni comunali. Ricca dal punto di vista demografico, per le caratteristiche della sua produzione cerealicola, per la presenza di animati mercati intorno ai quali gravitava una variegata società in costante crescita, la valle ed i suoi centri principali, come Figline e Montevarchi, divennero teatro di uno sviluppo che interessò tutti i contesti della vita politica, economica, culturale e religiosa.

In questa parte del Valdarno, “lontano dalle città” di Firenze, Arezzo e Siena, si giocò dunque una partita che avrebbe precocemente ridimensionato le mire aretine verso il territorio nord-occidentale del contado fiorentino, ridotto le velleità delle famiglie signorili e messo alla prova le capacità fiorentine di portare a compimento un’egemonia territoriale giunta a maturazione con la fondazione tardo-duecentesca delle Terre di San Giovanni Valdarno e Castelfranco di Sopra, l’evento che avrebbe aperto un capitolo nuovo e diverso della storia di quest’area toscana.

  • Gabriele Ricci, Stefano Brogi, Leonardo Rombai, Lontano dalle città: le ragioni di un convegno (p. 7-8).
  • Giuliano Pinto, Paolo Pirillo, Presentazione (p. 9-12).
  • Lontano dalle città: il quadro generale
    • Giuliano Pinto, Alcune considerazioni sul Valdarno di Sopra nei secoli XII-XIII (p. 15-26).
  • I. Signorie
    • Giampaolo Francesconi, La signoria monastica: ipotesi e modelli di funzionamento. Il monastero di Santa Maria di Rosano (secoli XI-XIII) (p. 29-65).
    • Jean-Pierre Delumeau, Il Valdarno di Sopra e la nobiltà aretina dalla metà dell’XI secolo agli inizi del Duecento (p. 67-81).
    • Marco Bicchierai, La signoria dei conti Guidi in Valdarno. Osservazioni ed ipotesi (p. 83-116).
  • II. Il territorio: strutture e risorse.
    • Maria Elena Cortese, Signori di castello: gruppi aristocratici ed assetti del potere nel Valdarno di Sopra (secoli XI-XII) (p. 119-140).
    • Francesco Salvestrini, Proprietà della terra e dinamismo del mercato fondiario nel basso Valdarno superiore (seconda metà dell’XI-prima metà del XIII secolo). Riflessi di un’evoluzione politica e sociale (p. 141-189).
    • Gloria Papaccio, I mulini e i porti nella valle dell’Arno a monte di Firenze (p. 191-210).
  • III. I quadri della religiosità
    • Mauro Ronzani, L’organizzazione della cura d’anime. la nascita della pieve di Figline (p. 213-277).
    • Charles-Marie de la Roncière, Gli ordini mendicanti nel Valdarno di Sopra del XIII secolo (p. 279-292).
    • Italo Moretti, Aspetti dell’architettura religiosa nel Valdarno di Sopra (p. 293-310).
  • IV. Borghi, centri e comunità
    • Simone Taddeucci, Un castrum e la sua comunità alla metà del XIII secolo: Loro Ciuffenna (p. 313-342).
    • Paolo Pirillo, Montevarchi: nascita, sviluppo e rifondazione di un centro del Valdarno (p. 343-377).
    • Chris Wickham, Figline: nobili milites e masnadieri (p. 379-394).

Atti del convegno di Montevarchi-Figline Valdarno, 9-11 novembre 2001

Forse ti interessa anche