L’esercizio della politica

La città di Palermo nel Cinquecento

Valentina Vigiano
Collana: I libri di Viella, 45
Pubblicazione: Dicembre 2004
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 288, 14x21 cm, bross.
ISBN: 9788883341540
€ 25,00 -5% € 23,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,75
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788883346125
€ 14,99
Acquista Acquista Acquista

Il volume analizza l’evoluzione demografica e la crescita urbanistica della Palermo cinquecentesca, nonché le differenti modalità di esercizio della politica attraverso la quale i suoi abitanti si contendevano l’accesso alle risorse della comunità.

Il quadro che ne scaturisce è quello di una città aperta nei ranghi delle sue corporazioni e nelle modalità di selezione dei suoi organi di governo municipale; fortemente ricettiva nei confronti delle ricorrenti immigrazioni, che disegnano il profilo di un’élite dirigente mobile, cangiante, scarsamente definita. Un’élite che utilizzava una precisa ideologia civica, attraverso la quale, nella dialettica politica con i sovrani o con i rappresentanti di questi ultimi nell’isola, essa rivendicava alla città felice il ruolo (contestato) di capitale del Regno di Sicilia.

Una città scrutata, dunque, non da un singolo punto di vista, ma da diversi angoli di visuale, e raccontata, con le sue variazioni, per un intero secolo, quel Cinquecento che le recenti celebrazioni dei centenari di Carlo V e Filippo II hanno contribuito a porre al centro di vivaci riflessioni storiografiche.

  • Premessa di Francesco Benigno
  • Introduzione
  • 1. Dentro le mura
    • 1. Una popolazione in crescita in una città “aperta”. 2. Lo spazio urbano fra rappresentazioni e pratiche. Note.
  • 2. La politica della felice
    • 1. Una difficile pacificazione. 2. Il conflitto con il viceré De Vega. 3. L’irrisolta questione della capitale. Note.
  • 3. Le finanze dell’Universitas
    • 1. Le risorse finanziarie dell’Università. 2. Il sistema delle gabelle. Grafici. Note.
  • 4. L’accesso al potere
    • 1. I meccanismi elettivi e le identità politiche. 2. I “nobili”. 3. L’élite cittadina. Note.
  • 5. Le “discordie” fra nobili e popolari
    • 1. Le assemblee generali della cittadinanza. 2. I Maestri di Piazza. Note
  • 6. Fuori dal Palazzo
    • 1. La società cittadina. 2. Le associazioni corporative. 3. Lo spazio relazionale individuale. Note
  • Bibliografia
  • Indice dei nomi

Premessa di Francesco Benigno

Francesco Benigno

Francesco Benigno insegna Storia moderna alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Si è occupato di storia economico-sociale del Mediterraneo, di storia politica del XVII secolo, della costruzione dei gruppi politici e sociali in età moderna e di crimine organizzato nel XIX secolo. Oltre a ciò ha anche dedicato attenzione ai problemi di metodo della storia e all’analisi dei concetti usati dalla disciplina. Tra i suoi libri più recenti: Terrore e terrorismo: Saggio storico sulla violenza politica, Einaudi, Torino 2018; L’Isola dei Viceré. Potere e conflitto nella Sicilia spagnola (secc. XVI-XVIII), Palermo U.P., Palermo 2017; Words in Time. A plea for Historical Re-thinking, Abingdon on Thames, Routledge 2017; La mala setta. Alle origini di mafia e camorra, Einaudi, Torino 2015.

e-mail: francesco.benigno@sns.it

Valentina Vigiano

Valentina Vigiano è dottore di ricerca ed assegnista in Storia moderna presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università degli Studi di Catania, dove insegna Storia dei Paesi delle lingue scelte (sede di Ragusa).

Forse ti interessa anche