Un tempio per Giustiniano

Santa Sofia di Costantinopoli e la Descrizione di Paolo Silenziario

Maria Luigia Fobelli
Collana: I libri di Viella. Arte
Pubblicazione: Settembre 2005
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 240, 29 ill. col. e 113 b/n, 17x24 cm, bross.
ISBN: 9788883341625
€ 45,00
Esaurito Esaurito Esaurito
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788833131252
€ 26,99
Acquista Acquista Acquista

Nel dicembre dell’anno 562 veniva completata la seconda ricostruzione del più grande monumento architettonico bizantino: la basilica di Santa Sofia a Costantinopoli. Paolo Silenziario – poeta e intellettuale alla corte dell’imperatore Giustiniano – compose per l’occasione una descrizione in versi della chiesa e il poemetto, ideato come un parallelo letterario del monumento, fu al centro di una solenne cerimonia destinata a commemorare l’evento per un pubblico esclusivo: Giustiniano e la consorte Teodora, il patriarca Eutichio, le alte gerarchie ecclesiastiche, esponenti dell’aristocrazia civile e militare.

L’opera di Paolo Silenziario costituisce per gli storici dell’arte la fonte principale sulla chiesa in età giustinianea e il punto di partenza per qualsiasi tentativo di disegnarne il ritratto originario, alterato da numerose vicende quali terremoti, ricostruzioni e restauri, distruzione degli arredi liturgici, trasformazione in moschea (1453) ed infine in museo (1934).

Questo volume presenta la prima versione italiana moderna e integrale, con testo greco a fronte, della Descrizione della Santa Sofia, accompagnata da un’analisi del poemetto all’interno della tradizione ekphrastica tardo-antica e da un accurato commento storico artistico in cui si evidenzia il ruolo tutto speciale che ancora oggi esso riveste per la comprensione dello straordinario monumento che descrive; infine, muovendo dal testo, si discutono alcuni temi specifici dell’edificio nell’età di Giustiniano, come il programma figurativo della recinzione presbiteriale, i sistemi decorativi, il ruolo della luce, naturale e artificiale, nella Grande Chiesa

  • Presentazione, di Maria Andaloro
  • Ringraziamenti
  • Introduzione
  • Il poemetto di Paolo Silenziario
    • L’autore e l’opera.
      L’ekphrasis e il tempio.
  • Paolo Silenziario, Descrizione della Santa Sofia: testo greco e versione italiana
    • La Descrizione della chiesa.
      La Descrizione dell’ambone.
      Commento alla Descrizione della chiesa.
      Commento alla Descrizione dell’ambone
  • Approfondimenti
    • La recinzione presbiteriale.
      La strategia delle immagini.
      Luce e luci nella Megale Ekklesia
  • Bibliografia
    Referenze fotografiche

Presentazione di Maria Andaloro

Maria Andaloro

Maria Andaloro, allieva di Cesare Brandi, è docente di Storia dell’arte medievale presso l’Università della Tuscia. I suoi interessi vertono sull’arte medievale e bizantina: rapporti tra Roma e Bisanzio prima della crisi iconoclasta; strutture figurative comnene nella Sicilia normanna; circolazione figurativa fra aree orientali e occidentali del Mediterraneo al tempo delle crociate; il traguardo di Assisi e Roma; Bisanzio e il Novecento. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Arte e iconografia a Roma. Da Costantino a Cola di Rienzo (con S. Romano, Jaca Book, 2000). Dirige, con Serena Romano, l’opera La pittura medievale a Roma 312-1431. Corpus e Atlante in dieci volumi (Jaca Book 2006-).

Forse ti interessa anche