Socialismo e marxismo in Italia

Dalle origini a Labriola

Gian Mario Bravo
Collana: Collana Norberto Bobbio, 2
Pubblicazione: Novembre 2007
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 208, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788883342684
€ 18,00 -15% € 15,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 15,30
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788883346699
€ 10,99
Acquista Acquista Acquista

Quattro figure di intellettuali e politici sono al centro del dibattito che nasce in seno al primo socialismo e al marxismo italiani: Mazzini, Marx, Engels – interlocutori lontani e stranieri, ma presenti e sovente non compresi – e soprattutto Labriola, insigne pensatore della nuova Italia e interprete del socialismo e del marxismo internazionali. Un percorso ideale congiunge gli esiti di confronti che contribuirono alla modernizzazione del Paese e a porre le organizzazioni e le idee della sinistra in rapporti fecondi con i più avanzati movimenti europei.

Il mondo socialista e Labriola rispecchiarono una realtà ancorata ai limiti del processo di unificazione, all’arretratezza, al dualismo Nord-Sud, a una cultura dominata dai ritardi sabaudo-borbonici: ebbero meriti, fecero sforzi per adeguarsi alle nazioni più evolute, raccolsero successi, compirono errori e pagarono prezzi elevati, pur perseverando nella ricerca dell’innovazione e del riscatto.

  • Premessa
  • Parte prima. Il socialismo
    • 1. Un’introduzione. Il socialismo e il protomarxismo
    • 2. Mazzini e il Manifesto comunista. L’avvio di un dibattito italiano
    • 3. Fra Prima e Seconda Internazionale
    • 4. L’Internazionale Socialista
  • Parte seconda. Antonio Labriola
    • 5. Il marxismo eccellente. Marx, Labriola e i volgarizzatori della prima sinistra italiana
    • 6. Il Manifesto, un documento attuale
    • 7. Il dialogo con i dirigenti del socialismo europeo
    • 8. Mehring e Labriola
    • 9. La questione coloniale
  • Indice dei nomi
Forse ti interessa anche