Scoperta e conquista di un Mondo Nuovo

A cura di Francesca Cantù
Collana: Frontiere della modernità, 2
Pubblicazione: Ottobre 2007
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 304, 46 ill. b/n, 10 tav. col. f.t., 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788883342738
€ 25,00 -15% € 21,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 21,25
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788883347306
€ 15,99
Acquista Acquista Acquista

Dieci anni dopo l’impresa compiuta da Cristoforo Colombo, Amerigo Vespucci, che durante i suoi viaggi aveva sentito pulsare nelle vene del mondo iberico la febbre esaltante della conquista dell’Atlantico, s’imbarca verso quel Mondo Nuovo che da lui prenderà nome. Dopo aver tracciato il suo profilo biografico e ricostruito l’ambiente dei mercanti italiani nella città andalusa considerata la porta verso il grande Mare Tenebroso ormai domato, il volume propone alcune letture di quella straordinaria avventura che segnò l’ingresso del quarto continente nella storia dell’Europa e dell’Occidente.

Che connotazioni intellettuali assunse in quel tempo l’esperienza della Scoperta? Quali sono state le tappe più significative del cammino verso una sempre più completa rappresentazione dell’America nella cartografia del Rinascimento? Con quali moduli o invenzioni iconografiche la giovane arte della stampa ha cercato di far percepire ai suoi lettori la nuova articolazione delle conoscenze tra Vecchio e Nuovo Mondo? Come l’immaginario sociale ha rielaborato le notizie che giungevano d’Oltremare facendo dei nuovi possedimenti spagnoli una terra d’utopia o di maledizione? In che modo la giovane e ignota natura americana ha riconfigurato usi e costumi europei con le sue nuove piante e i suoi nuovi alimenti? Su questi interrogativi gli autori disegnano, da diverse prospettive, il quadro della “novità americana”.

  • Introduzione di Francesca Cantù (p. 7-24).
  • Wilcomb E. Washburn, Il significato della “Scoperta” nei secoli XV e XVI (p. 25-48).
  • Consuelo Varela, Amerigo Vespucci e i mondi iberici (p. 49-82).
  • Ilaria Luzzana Caraci, Nascita ed evoluzione della cartografia europea dell’America (p. 83-159).
  • Annalisa D’Ascenzo, Siviglia e gli italiani tra Medioevo ed Età moderna (p. 161-178).
  • Genoveffa Palumbo, Riannodare le fila della storia e della scienza tra il Vecchio Mondo e il Nuovo: la via delle immagini nel XVII secolo (p. 179-237).
  • María Victoria López-Cordón, Dall’utopia indiana alla maledizione dell’oro: l’America nel pensiero spagnolo del XVI e XVII secolo (p. 239-269).
  • Olaya Sanfuentes Echeverría, L’Europa e la sua percezione del Nuovo Mondo: specie commestibili e spazi americani nel secolo XVI (p. 271-299).
Forse ti interessa anche