Il libro religioso in Italia

Studi e ricerche

Pietro Stella
Collana: Studi e ricerche. Università di Roma Tre, 18
Pubblicazione: Luglio 2008
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 312, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788883343162
€ 29,00 -5% € 27,55
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 27,55
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788867280674
€ 19,99
Acquista Acquista Acquista

Il filo rosso che lega questi saggi di Pietro Stella è la comune accentuazione dell’importanza storico-documentaria del libro religioso, che vanta una produzione abbondantissima in età moderna fino alle soglie dell’età contemporanea.

I temi presi in considerazione riguardano alcuni filoni significativi di questa letteratura, dalle edizioni di testi biblici e patristici ai catechismi, dai testi agiografici a quelli devozionali, dalla stampa di genere apocalittico a quella che testimonia la presenza di posizioni minoritarie di filoebraismo nell’Italia ottocentesca.

Un particolare significato assumono in diversi saggi le traduzioni e gli influssi dottrinali di opere francesi, che, pur censurate e viste con diffidenza, passano spesso i loro messaggi religiosi sotto il velo dell’anonimato e attraverso citazioni in testi non sospetti, fino a diventare fonti di documenti ufficiali, come il catechismo di Pio X.

  • Premessa di Francesca Cantù (p. vii-viii)
  • Introduzione di Maria Lupi (p. ix-xvi)
  • 1. Produzione libraria religiosa e versioni della Bibbia in Italia tra età dei lumi e primo Novecento (p. 1-23)
  • 2. Editoria e lettura dei Padri dall’umanesimo alla crisi modernista (p. 25-69)
  • 3. Le Vies des saints di Adrien Baillet: diffusione e recezione in area italiana (p. 71-91)
  • 4. I catechismi in Italia e in Francia nell’età moderna. Proliferazione tra analfabetismo e incredulità (p. 93-113)
  • 5. Storia e preistoria delle Massime eterne di sant’Alfonso de Liguori (p. 115-124)
  • 6. Il Tesoro nascosto di Leonardo da Porto Maurizio. Appunti per la storia di un testo di letteratura religiosa popolare (p. 125-156)
  • 7. Tra giansenismo e antigiansenismo: L’Imitazione di Cristo del cardinale Enriquez (p. 157-178)
  • 8. Quesnel autore spirituale nell’Italia dei secoli XVIII e XIX (p. 179-197)
  • 9. Per una storia della stampa apocalittica cattolica nell’Ottocento. Messaggi profetici di don Bosco a Pio IX e all’imperatore d’Austria (1870-1873) (p. 199-222)
  • 10. Filoebraismo cattolico in Piemonte e in Lombardia nell’Ottocento. Dal catechismo del Casati a Il giovane studente del Bonomelli (p. 223-254)
  • Bibliografia di Pietro Stella (p. 255-268)
  • Indice dei nomi di persona e di luogo (p. 269-294)

A cura di Maria Lupi

Maria Lupi

Maria Lupi è professore ordinario di Storia del Cristianesimo e delle Chiese presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Roma Tre e vicedirettore della «Rivista di storia della Chiesa in Italia». I suoi interessi riguardano soprattutto l’attività pastorale dei vescovi e del clero, l’istruzione religiosa e la spiritualità di clero e di laicato (catechismo, devozioni, associazioni) e gli ordini religiosi in età moderna con un’attenzione particolare al XIX sec. Ha curato, insieme a Claudio Rolle, il volume El orbe católico (Santiago 2016).

Francesca Cantù

Francesca Cantù insegna Storia moderna presso l’Università di Roma Tre.

Pietro Stella

Pietro Stella (Catania 1930 - Roma 2007) ha insegnato Storia della Chiesa e Storia moderna nelle Università di Bari, Perugia, Roma “La Sapienza” e Roma Tre. È stato uno dei più autorevoli studiosi del giansenismo italiano e della religiosità cattolica in età moderna e contemporanea. Gli ultimi suoi libri sono: Don Bosco (Il Mulino, 2001) e i tre volumi di Il giansenismo in Italia (Edizioni di Storia e Letteratura, 2006).

I saggi qui raccolti sono comparsi per le stampe tra il 1966 e il 2007 nelle sedi e con i titoli di seguito indicati:
1. Produzione libraria religiosa e versioni della Bibbia in Italia tra età dei lumi e crisi modernista, in Cattolicesimo e lumi nel Settecento italiano, a cura di M. Rosa, Roma, Herder, 1981 (Italia sacra, 33), pp. 99-125;
2. Editoria e lettura dei Padri: dalla cultura umanistica al modernismo, in Complementi interdisciplinari di patrologia, a cura di A. Quacquarelli, Roma, Città Nuova, 1989, pp. 799-837;
3. LeVies des Saints di Adrien Baillet: diffusione e recezione in area italiana, in Raccolte di vite di santi dal XIII al XVIII secolo. Strutture, messaggi, fruizioni, a cura di S. Boesch Gajano, Fasano, Schena, 1990, pp. 215-234;
4. I catechismi in Italia e in Francia nell’età moderna. Proliferazione tra analfabetismo e incredulità, in «Salesianum», 49 (1987), pp. 303-322;
5. Storia e preistoria delleMassime eterne di S. Alfonso, in «Salesianum», 28 (1966), pp. 552-560;
6. Il Tesoro nascosto di Leonardo da Porto Maurizio (1737). Appunti per la storia di un testo di letteratura religiosa popolare, in «Studi Francescani», 67/2-3 (1970), pp. 359-388;
7. Tra giansenismo e antigiansenismo:L’Imitazione di Cristo del card. Enriquez (1754-55), in «Salesianum», 35 (1973), pp. 323-340;
8. Quesnel autore spirituale nell’Italia dei secoli XVIII e XIX, in Papes, princes et savants dans l’Europe moderne. Mélanges à la mémoire de Bruno Neveu, réunis par J.-L. Quantin et J.-Cl. Waquet, Genève, Librairie Droz, 2007, pp. 351-368;
9. Per una storia del profetismo apocalittico cattolico ottocentesco. Messaggi profetici di don Bosco a Pio IX e all’imperatore d’Austria (1870-1873), in «Rivista di storia e letteratura religiosa», 4 (1968), pp. 448-469;
10. Filoebraismo cattolico in Piemonte e in Lombardia dalla Rivoluzione francese al caso Dreyfus, in «Rivista di storia della Chiesa in Italia», 58 (2004), pp. 81-105.

Forse ti interessa anche