Dante, Guido e Francesca

Gennaro Sasso
Collana: I libri di Viella, 81
Pubblicazione: Novembre 2008
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 224, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788883343209
€ 26,00 -5% € 24,70
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 24,70
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788883345753
€ 17,99
Acquista Acquista Acquista

La suggestiva ipotesi proposta da Gennaro Sasso è che Dante abbia costruito la figura di Francesca da Rimini spirandosi alla teoria dell’irresistibilità del­l’amore esposta da Guido Cavalcanti in Donna me prega: da questo punto di vista, la condanna di Francesca va dunque interpretata come una critica radicale dei concetti svolti nella grande canzone cavalcantiana, che Dante respinge con nettezza.

Il saggio offre una lettura ravvicinata e puntuale di Donna me prega e del V canto dell’Inferno, ma va estendendosi poi ad altri luoghi della Commedia e del Convivio e ad altri aspetti della lirica di Cavalcanti, in un procedere che combina costantemente il piano dantesco e quello cavalcantiano. Di qui l’ampliarsi del discorso a spunti e riflessioni che vanno ad arricchire la trama del volume, il quale presenta, in appendice, alcune precisazioni relative al concetto aristotelico dell’“accidente”, importante per Dante e, ancor più, per Cavalcanti.

Prefazione

1. Le idee di Francesca
2. Donna me prega
3. Significati svolgimenti dissociazioni
4. Intermezzo
5. Dante e Francesca. Spunti autobiografici
6. Dante contro Cavalcanti
7. Francesca da Rimini

Appendice. Sul sumbebekós

Indice dei nomi

Gennaro Sasso

Gennaro Sasso è professore emerito (già ordinario di Filosofia teoretica) presso la Sapienza - Università di Roma, socio nazionale dell’Accademia dei Lincei. Con i nostri tipi ha pubblicato Dante, Guido e Francesca (2008), Ulisse e il desiderio (2011), Storiografia e decadenza (2012), La lingua, la Bibbia, la storia. Su De vulgari eloquentia I (2015) e Purgatorio e Antipurgatorio. Un’indagine dantesca (2019).

Forse ti interessa anche