La carriera di un uomo di curia nella Roma del Quattrocento

Ambrogio Massari da Cori, agostiniano: cultura umanistica e committenza artistica

A cura di Carla Frova, Raimondo Michetti e Domenico Palombi
Collana: Fuori collana
Pubblicazione: Aprile 2008
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 244, 63 tav. b/n f.t., 17x24 cm, bross.
ISBN: 9788883343353
€ 33,00 -5% € 31,35
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 31,35

Ambrogio Massari, il Coriolano, teologo umanista e generale dell’ordine agostiniano per quasi un decennio, tra i personaggi più noti nella Roma di Sisto IV, concluse bruscamente la sua vita il 26 maggio del 1485 a Roma presso la chiesa di Sant’Agostino, dopo aver subito l’umiliazione del carcere nel castello-fortezza di Castel Sant’Angelo: era stato, infatti, imprigionato da Innocenzo VIII, appena assurto sul trono di Pietro, per le malauguranti accuse che gli avrebbe rivolto al momento della sua elezione.

Questo volume si propone di indagare, grazie al contributo di specialisti della storia religiosa, della cultura, dell’arte e del territorio, la parabola biografica di un uomo di curia che, emergendo da oscure origini nella città laziale di Cori allo splendore della Roma sistina, sotto la protezione del potente cardinale Guillaume d’Estouteville, seppe coniugare il legame con la città natia con una fortunatissima carriera ai vertici dell’ordine agostiniano e nel cuore della corte pontificia. La ricostruzione, sotto il suo generalato, delle chiese di S. Maria del Popolo e di S. Agostino a Roma e la realizzazione del convento di S. Oliva a Cori, capolavori dell’architettura quattrocentesca, ben rappresentano l’asse geografico-territoriale e i principali poli politico-culturali attorno ai quali si dipanano i cinquant’anni della esistenza del Massari.

Attraverso la ricostruzione della sua biografia si dischiudono molteplici scenari storici, culturali e religiosi che si realizzano nella Roma del secondo Quattrocento: dalla trasfomazione urbanistica della città medievale al rinnovamento religioso delle Osservanze mendicanti, dalle strategie politico-militari del pontificato sistino nell’Italia del XV secolo fino all’ampliamento politico-territoriale dello stato della Chiesa.

  • Presentazione (p. 7-8)
    Introduzione, di Carla Frova, Raimondo Michetti, Domenico Palombi (p. 9-21)
  • Cécile Caby, Ambrogio Massari, percorso biografico e prassi culturali (p. 23-67)
    Maria Agata Pincelli, La biblioteca di Ambrogio da Cori (p. 69-74)
    Paola Farenga, La controversia tra canonici regolari e agostiniani attraverso la stampa: Ambrogio, Domenico da Treviso, Paolo Olmi ed Eusebio Corrado (p. 75-89)
    Domenico Palombi, Ambrogio Massari tra Roma e Cori. Memoria, recupero e invenzione dell’antico (p. 91-125)
    Pier Luigi De Rossi, Cori all’epoca di Ambrogio: nuovi assetti istituzionali (p. 127-136)
    Giovanni Pesiri, La Marittima nel secolo XV: il contesto ecclesiastico e politico (p. 137-160)
    Anna Esposito, Il cardinale Guglielmo d’Estouteville, Ambrogio da Cori e l’area dei Colli Albani (p. 161-171)
    Lorenzo Finocchi Ghersi, I cantieri sistini di Santa Maria del Popolo e Sant’Agostino a Roma (p. 173-181)
    Rosaria Coletta, Ambrogio Massari e Guillaume d’Estouteville a Velletri. L’affresco della Cappella del Crocefisso da Santa Maria dell’Orto (p. 183-194)
    Pio Francesco Pistilli, Sebastiano Roberto, Ambrogio Massari e gli Eremitani a Cori (p. 195-233)
  • Illustrazioni
    Indice dei nomi (p. 238)
Forse ti interessa anche