Infetta dottrina

Inquisizione e quietismo nel Seicento

Marilena Modica
Collana: Sacro/santo, 13
Pubblicazione: Novembre 2009
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 240, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788883344015
€ 26,00 -15% € 22,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 22,10
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788883345975
€ 17,99
Acquista Acquista Acquista

Nei decenni conclusivi del Seicento esplose, nell’ Europa cattolica, una delle ultime questioni «ereticali» dell’età moderna, collegata alla pratica religiosa del quietismo. Maturata in seno alla tradizione mistica e basata in prevalenza sulla passività dell’anima e la perdita di sé, sulla quiete interiore come presupposto pressocché esclusivo dell’unione con Dio, la pratica si poneva in controtendenza con gli assetti normativi e disciplinari della cultura religiosa ufficiale.

In particolare, nella prospettiva istituzionale-giudiziaria, la Chiesa volle impedire che si aprisse, nella coscienza religiosa dei singoli e in nome di percorsi eccezionali segnati dalla comunicazione mistica, uno spazio spirituale autonomo, sottratto al controllo, alla regolamentazione, alla verifica di padri confessori e giudici.

Nell’esaminare il caso siciliano attraverso i processi e le inchieste del Sant’Ufficio, questo saggio vuole anche fornire elementi di riflessione sui legami, diretti o mediati, che l’«infetta dottrina» quietista intrattenne con i nuovi fermenti culturali del XVII secolo. Di fronte alla grande diffusione del misticismo quietista tra i laici - di cui per l’appunto è testimonianza il caso siciliano - la risposta delle istituzioni ecclesiastiche lascia emergere con chiarezza che la questione del potere sulle anime era strategica nella politica del cattolicesimo romano, già insidiato dai processi di laicizzazione.

Sfoglia un'anteprima

  • Introduzione
    • Note
  • 1. Il quietismo come eresia
    • 1. Il Sant’Ufficio siciliano e le «Inquisiciones de Italia». 2. L’arcivescovo di Palermo e la Guida spirituale di Molinos. 3. Il «librito precioso»: difesa di Palafox e censura della Suprema. 4. La Spagna «madre del quietismo». 5. Luis de Granada e la monaca di Lisbona (1551-1603). 6. La scienza sperimentale dell’amore di Dio. 7. La lingua dei mistici. Note.
  • 2. Un secolo in movimento e il misticismo quietista
    • 1. I nuovi mistici come moderni eretici. 2. La «perfetta indifferenza». 3. La ripresa secentesca del tema delle passioni. 4. L’amore disinteressato e l’«amour propre éclairé». 5. Le passioni dell’anima di Cartesio. Note.
  • 3. Il «camino incognito y seguro» nel processo a fra’ Paolo di Jaci
    • 1. La ritrattazione dell’arcivescovo di Palermo. 2. Fra’ Paolo di Jaci. 3. La struttura dell’anima. 4. L’espropriazione della volontà. Note.
  • 4. Il discernimento degli spiriti
    • 1. Il vero e il falso. 2. La discretio spirituum di Giovanni Bona. 3. Il corpo alterato e l’esperienza contemplativa. Gian Domenico Gravina. 4. Fenomenologia estatica e scienza medica. 5. Le ingannevoli certezze della discretio. 6. Sante vere alla prova dei teologi. 7. I disordini sessuali. 8. La melancolia. 9. La via interna del niente: un percorso impenetrabile. Note.
  • 5. Santità finta e atti sessuali illeciti
    • 1. Un Interrogatorio judicial per il discernimento degli spiriti. 2. Finte sante in Sicilia. 3. Suor Francesca Spitaleri. 4. I disordini morali tra reato, peccato e devianza ereticale. 5. La spiritualizzazione della lussuria. Note.
  • 6. Le inchieste e i processi del Sant’Ufficio palermitano contro la secta Quietistarum
    • 1. Gli scalzi di San Nicolò da Tolentino. 2. La “nuova maniera di pregare”. 3. Un padre spirituale inquisito. 4. Gertrude e Romualdo, due «matti spediti» quietisti. Note.
  • 7 La via mistica di suor Teresa di san Geronimo
    • 1. Bizocha e madre spirituale. 2. Gli scritti di suor Teresa. 3. La guerra delle parole. 4. «Un regard universel, pur et simple de Dieu…». 5. Correzioni e ripensamenti negli scritti di suor Teresa. 6. Il Memoriale dal carcere. Note.
  • 8 Un misticismo senza clausura
    • 1. Ai margini del mondo monastico: bizoche e confessori. 2. Il Fondaco dell’Abate. 3. Alla ricerca di un “buon confessore”. Note.
  • 9. Forza dell’immaginazione e humor melanconico in suor Rosalia del Santissimo Sacramento
    • 1. “Darsi allo spirito”. 2. La «libertad de espiritu molinistica». 3. La «flaqueza» del corpo e dello spirito. 4. «Las palabras no sicilianas». 5. L’humor melanconico. Note.
  • 10. Obliquità del quietismo
    • Note.
  • Bibliografia
  • Indice dei nomi
Forse ti interessa anche