«Con animo virile»

Donne e potere nel Mezzogiorno medievale (secoli XI-XV)

A cura di Patrizia Mainoni
Collana: I libri di Viella, 104
Pubblicazione: Gennaio 2010
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 576, ill. b/n, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788883344206
€ 40,00 -15% € 34,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 34,00
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788883346576
€ 25,99
Acquista Acquista Acquista

Che ruolo giocano le donne nelle diverse realtà politiche e istituzionali del Mezzogiorno medievale? Qual era il raggio della loro azione sociale? E del loro rapporto col potere cosa possiamo dire?

Questo libro cerca di rispondere, a partire da una serie di ricerche puntuali, a queste domande fondamentali, provando ad allargare lo spazio delle nostre conoscenze sul tema, oggi così studiato, della capacità politica delle donne. Il Mezzogiorno italiano, dall’età normanno-sveva alle realtà di epoca angioina e aragonese, propone innanzitutto, in linea con un grande problema europeo, il tema della regalità femminile - uno dei pochi che, per evidenti motivi, è già stato sviluppato dalla tradizione storiografica. Esso viene qui ripreso e ulteriormente arricchito, ma anche integrato con altre prospettive, che spingono il nostro sguardo dentro il mondo delle corti, regie e principesche, nella sfera separata della religiosità femminile, nelle realtà urbane.

Potere, quindi, ma non solo: anche committenze artistiche, ruolo familiare e iniziativa testamentaria. Il prisma tematico che si viene formando conferma, anche per la ricerca sul Mezzogiorno, quanto la storia delle donne costituisca un fondamentale terreno di innovazione per la storia sociale e politica.

  • Grazia Distaso, Presentazione (p. 7-9)
    Patrizia Mainoni, Premessa (p. 11-17)
  • Pasquale Corsi, Un percorso di lettura (p. 19-30)
    Maria Teresa Guerra Medici, Donne, famiglia e potere (p. 31-51)
    Carmelina Urso, Adelaide «del Vasto», callida mater e malika di Sicilia e Calabria (p. 53-84)
    Nicola Lorenzo Barile, La figlia del re di Francia e il principe normanno. Il matrimonio di Costanza e Boemondo d’Altavilla (1106) (p. 85-137)
    Caterina Lavarra, Potere monastico femminile nel Mezzogiorno normanno: la badessa Betlemme (p. 139-196)
    Patrizia Mainoni, Il potere di decidere. Testamenti femminili pugliesi nei secoli XIII-XIV (p. 197-261)
    Paola Vitolo, Imprese artistiche e modelli di regalità al femminile nella Napoli della prima età angioina (p. 263-318)
    Federica Monteleone, Maria d’Enghien, contessa di Lecce. Dimensione umana e vicenda politica (p. 319-359)
    Teresa Mangione, Una milanese alla corte di Napoli. Ippolita Sforza principessa d’Aragona (p. 361-453)
    Francesca M. Vaglienti, «Governare, io donna». Isabella d’Aragona principessa delle due Italie (p. 455-484)
    Elena Papagna, Le dame napoletane tra Quattro e Cinquecento. Modelli culturali e pratiche comportamentali (p. 485-526)
  • Donne nel Mezzogiorno medievale: una ricognizione bibliografica, a cura di Nicola Lorenzo Barile e Patrizia Mainoni (p. 527-539)
  • Indice dei nomi (p. 541)
Forse ti interessa anche