Banca e politica a Milano a metà Quattrocento

Beatrice Del Bo
Collana: I libri di Viella, 111
Pubblicazione: Luglio 2010
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 256, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788883344602
€ 28,00 -5% € 26,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 26,60
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788883346668
€ 17,99
Acquista Acquista Acquista

Negli importanti lavori sul ruolo economico di Milano nel basso Medioevo, sinora l’attenzione degli studiosi è stata rivolta per lo più all’ambito mercantile e artigianale o a quello corporativo. Rari sono stati gli studi specifici dedicati ai banchieri, spesso diluiti in opere sul mondo economico in genere. Questo libro è la prima ricerca sistematica volta alla ricostruzione della fisionomia complessiva dei banchieri attivi nel capoluogo lombardo in età bassomedievale. In particolare, si analizza l’evoluzione dell’élite finanziaria milanese a partire dal periodo peggio documentato, e pertanto meno studiato, della Milano quattrocentesca, cioè dal triennio della Repubblica ambrosiana (1447-1450), ricostruendo, altresì, le principali conseguenze economiche della crisi degli anni 1447-1451, mai indagate in maniera approfondita.

La principale fonte di questo libro è costituita da un nucleo di materiale inedito, ossia circa duecento protesti di lettere di cambio degli anni 1441-1454, unico nel suo genere nel panorama documentario milanese. Sulla scorta di tale documentazione, si indagano qui le ragioni sottese all’emissione e al protesto delle tratte cambiarie, fornendo al contempo una ricostruzione del profilo politico dei banchieri ambrosiani nel delicato passaggio dall’età viscontea a quella sforzesca.

  • Introduzione
  • 1. Le premesse
    • 1. Premesse politiche ed economiche. 2. I banchi del Broletto nuovo. 3. La lettera di cambio nella storiografia.
  • 2. Strumenti creditizi, circuiti finanziari e operatori
    • 1. Struttura delle lettere di cambio e iter dei protesti. 2. Sensali: collaboratori indispensabili di banchieri e notai. 3. I mercati bancari di riferimento: il legame con Venezia. 4. Note sul corso dei cambi e sul costo del denaro. 5. I corrispondenti privilegiati dei banchieri milanesi sulle piazze estere.
  • 3. L’età della libertas
    • 1. Banchieri dell’ultima fase repubblicana. 2. Gli acquirenti dei beni repubblicani del 1449. 3. Protesti durante la crisi (1445-1454).
  • 4. L’età sforzesca
    • 1. Continuità o cesura dopo l’ingresso di Francesco Sforza. 2. Nuovi banchieri di età sforzesca. 3. Uno sguardo ai decenni successivi.
  • Note conclusive
  • Prosopografia
  • Appendici
  • Bibliografia
  • Indice dei nomi di persona e di luogo

Beatrice Del Bo

Beatrice Del Bo insegna Storia economica e sociale del Medioevo presso l’Università degli Studi di Milano e collabora con l’Innocenzo Gasparini Institute for Economic Research dell’Università L. Bocconi di Milano. Coi nostri tipi ha pubblicato Banca e politica a Milano a metà Quattrocento (Viella, 2010).

Forse ti interessa anche
  • Studi per Rinaldo Comba fra Piemonte e Lombardia
    Aa.Vv.
    2016, pp. 236
    € 29,00 -5% € 27,55
  • Paradigme italien, expériences européennes (vers 1250-vers 1500)
    sous la direction de Élisabeth Crouzet-Pavan et Jean-Claude Maire Vigueur
    2015, pp. 400
    € 55,00 -5% € 52,25
  • Radicamento urbano e integrazione nelle città bassomedievali (secc. XIII-XVI)
    A cura di Beatrice Del Bo
    2014, pp. 416
    € 35,00 -5% € 33,25
  • Italia e Penisola Iberica nel basso Medioevo
    A cura di Lorenzo Tanzini e Sergio Tognetti
    2014, pp. 364
    € 32,00 -5% € 30,40