La capitale della nazione

Roma e la sua provincia nella crisi del sistema liberale

A cura di Paolo Carusi
Collana: Studi e ricerche. Università di Roma Tre, 25
Pubblicazione: Febbraio 2011
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 352, ill. b/n, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788883344831
€ 28,00 -15% € 23,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,80
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788867280575
€ 17,99
Acquista Acquista Acquista

Gli anni compresi tra lo scoppio della prima guerra mondiale e l’avvento del fascismo rappresentarono per Roma una fase di straordinario cambiamento. La nascita dello Stato-nazione, infatti, riportando Roma al suo ruolo di centro del dibattito politico-culturale e della dimensione simbolica nazionale, innescava tutta una serie di progetti di trasformazione e modernizzazione destinati a cambiare profondamente l’aspetto della capitale e della sua grande provincia.

Il volume affronta con un approccio multidisciplinare diversi aspetti di questo processo, soffermandosi sui principali nodi della trasformazione ambientale e territoriale, sulla modernizzazione (o mancata modernizzazione) delle forze politiche, su alcuni risvolti, infine, di una realtà economico-sociale in profondo fermento a causa della crisi di mobilitazione delle masse generata dall’entrata dell’Italia nel conflitto mondiale.

In conclusion, this book shows how useful a multidisciplinary route is for the understanding of a historical process which, in the case of Rome, is taken for granted. And in an era of forced simplifications and facile schematizations, which unfortunately are to be found even in historical research, the book edited by Carusi is excellent and contains a wealth of data, contributing to a better understanding of Rome’s part in a key period of Italian twentieth-century history.
(Francesco Dandolo, Università di Napoli Federico II, The Journal of European Economic History XLI, n°1, Spring 2012)

  • Paolo Carusi, Introduzione. La nascita dello Stato-nazione e la nuova centralità di Roma (p. 7-18).
  • L’ambiente e il territorio
    • Lidia Piccioni, Territorio e identità tra bilanci e nuove trasformazioni (p. 21-37).
    • Roberto Cassetti, Un periodo di transizione tra l’ “idea” della città ottocentesca e quella del Monumentalismo (p. 39-76).
    • Lidia Moretti, L’Agro romano tra persistenza di questioni secolari e presupposti per nuovi processi di strutturazione dello spazio (p. 77-94).
    • Carla Masetti, Geografia e cartografia nel processo di recupero del territorio pontino nei primi decenni del Novecento (p. 95-119).
  • Il quadro amministrativo e le forze politiche
    • Mario Belardinelli, Amministrazioni locali, Stato, società civile per il “Risorgimento economico di Roma” (p. 123-156).
    • Vincenzo G. Pacifici, I deputati liberali laziali dal 1913 al 1922 (p. 157-174).
    • Paolo Carusi, Radicali e repubblicani romani di fronte alla contrazione dello “spazio politico” democratico (1913-1921) (p. 175-200).
    • Paolo Mattera, La galassia proletaria e socialista (p. 201-214).
    • Tommaso Baris, Il fascismo, la provincia di Roma e il riassetto territoriale del Lazio nel primo dopoguerra (1919-1926) (p. 215-236).
    • Antonio Scornajenghi, Il Partito Popolare a Roma nel primo dopoguerra (p. 237-261).
  • Le forze economiche e sociali
    • Giacomina Nenci, Contadini e agrari. Elementi di ricerca (p. 265-280).
    • Rita D’Errico, La bonifica dell’Agro alla vigilia della marcia su Roma. I centri rurali creati nel 1921-1922 (p. 281-300).
    • Daniela Rossini, Dal sociale al politico: donne e suffragio a Roma tra il 1914 e il 1923 (p. 301-319).
    • Michele Manzo, La Roma cattolica durante il pontificato di Benedetto XV (p. 321-341).
  • Indice dei nomi (p. 343-351)
Forse ti interessa anche