Storiografia e decadenza

Gennaro Sasso
Collana: I libri di Viella, 144
Pubblicazione: Settembre 2012
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 352, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788883349317
€ 35,00 -15% € 29,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 29,75
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788867281046
€ 23,99
Acquista Acquista Acquista

Le indagini contenute in questo libro, benché di natura storiografica, secondo Gennaro Sasso sono segnate (qualcuno dirà contaminate) dalla filosofia che è nella testa dell’autore; il quale tuttavia confida di avere evitato di scrivere una «filosofia della storiografia», cercando, per contro, di ascoltare e capire storici e filosofi, ciascuno nel suo specifico universo di pensiero.

Oggetto di considerazione è, in primo luogo, il revisionismo, che da parti diverse dello schieramento politico e culturale si è esercitato su uomini, problemi e avvenimenti del passato recente e meno recente. Vengono così ripercorse, a proposito di Chabod, di Croce, di Gentile, di Cantimori, e di altri, questioni relative alle ideologie e alle pagine più tragiche del secolo che si è da poco concluso.

In secondo luogo, è presa in esame l’idea della decadenza, che Gennaro Sasso ha indagato a vari livelli sia nella riflessione intrinseca alla storiografia di Chabod, sia nelle pieghe più riposte del pensiero di Croce, sia nelle indagini sul mondo antico condotte da Santo Mazzarino, sia infine in una riflessione posta a conclusione del volume che consente di cogliere, in una sintesi suggestiva, i diversi temi dai quali il concetto di decadenza è stato costituito nel tempo.

  • Prefazione (p. 7-10)
  • 1. Guerra civile e storiografia (p. 11-51)
  • 2. La storia come «arte» e l’Olocausto (Croce, Gentile, Hayden White e Carlo Ginzburg) (p. 53-112)
  • 3. Chabod e il fascismo. Riflessioni e ricordi (p. 113-182)
  • 4. Gentiliana et Cantimoriana (p. 183-249)
  • 5. Santo Mazzarino: la decadenza, il tempo. Appunti e riflessioni (p. 251-296)
  • 6. Riflessioni sulla decadenza (p. 297-344)
  • Indice dei nomi (p. 345-349)

Gennaro Sasso

Gennaro Sasso è professore emerito (già ordinario di Filosofia teoretica) presso la Sapienza-Università di Roma, socio nazionale dell’Accademia dei Lincei, direttore dell’Istituto italiano per gli studi storici di Napoli. Autore di molti libri sul pensiero politico (Machiavelli, Guicciardini, Lucrezio) e filosofico (Platone, l’idealismo italiano), con i nostri tipi ha pubblicato Dante, Guido e Francesca (2008), Ulisse e il desiderio (2011) e Storiografia e decadenza (2012).

I saggi qui raccolti sono apparsi originariamente:

1. Guerra civile e storiografia, in «La Cultura», 43/1 (2005), pp. 5-42

2. La storia come «arte» e l’Olocausto (Croce, Gentile, Hayden White e Carlo Ginzburg), in «La Cultura», 46/1 (2008), pp. 5-60

3. Chabod e il fascismo (Riflessioni e ricordi), in «La Cultura», 47/1 (2009), pp. 5-60
4. Gentiliana et Cantimoriana, in «La Cultura», 47 /2 (2009), pp. 230-232

5. Santo Mazzarino: la decadenza, il tempo. Appunti e riflessioni, in «Mediterraneo antico», XI/1-2, (2008), pp. 341-358

6. Riflessioni sulla decadenza, in «La Cultura», 49/1 (2011), pp. 5-46

Forse ti interessa anche