La corte estense nel primo Seicento

Diplomazia e mecenatismo artistico

A cura di Elena Fumagalli e Gianvittorio Signorotto
Collana: I libri di Viella, 147
Pubblicazione: Novembre 2012
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 444, 23 ill. b/n, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9788883349430
€ 36,00 -5% € 34,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 34,20
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788867281091
€ 23,99
Acquista Acquista Acquista

Dalla perdita di Ferrara (1598) alla pace dei Pirenei (1659), la dinastia estense vive una fase particolarmente significativa e tumultuosa della sua storia, che culmina nelle imprese militari di Francesco I, alleato della Francia, ai danni della Lombardia spagnola.

Sono i decenni segnati dalla necessità di dare a Modena la veste di capitale e di stabilire un saldo controllo sul territorio, dalla volontà di affermare l’antica grandezza e rivendicare i propri interessi presso le corti italiane ed europee. La trama dei rapporti politici e culturali passa in primo luogo attraverso la diplomazia, e implica relazioni di uomini, circolazione di esperienze, scambi di opere d’arte e oggetti preziosi. Un gruppo di studiosi di diversa provenienza, storici e storici dell’arte, ha approfondito le vicende del primo Seicento facendo luce su questa trama complessa attraverso una ricerca intensiva su una fonte di inesauribile ricchezza quale la corrispondenza diplomatica.

  • Elena Fumagalli e Gianvittorio Signorotto, Introduzione (p. 9-10)
  • Gianvittorio Signorotto, Modena e il mito della sovranità eroica (p. 11-49)
  • Daniela Frigo, Negozi, alleanze e conflitti. La dinastia estense e la diplomazia del Seicento (p. 51-92)
  • Barbara Ghelfi, «Le pitture spontano al fine quel che non possono spuntare i nostri stenti, et le nostre fatiche». Doni artistici di Cesare d’Este a Rodolfo II (1598-1604) (p. 93-133)
  • Pierpaolo Merlin, Savoia ed Este: due dinastie nel secolo di ferro (p. 135-148)
  • Stefano Calonaci, Con gli occhi di Argo. La politica del cardinale Alessandro d’Este dopo la devoluzione (1599-1624) (p. 149-196)
  • Mercedes Simal López, La estancia en Madrid de Francesco I d’Este en 1638 (p. 197-237)
  • Sonia Cavicchioli, Considerazioni sugli interessi artistici di Francesco I attraverso la corrispondenza diplomatica con Roma (p. 239-262)
  • Laura Turchi, Fra Modena, Roma e Parigi: i primi anni di cardinalato di Rinaldo d’Este, protettore di Francia (1618-1672) (p. 263-304)
  • Elena Fumagalli, Duchi e granduchi: relazioni diplomatiche e artistiche tra Modena e Firenze (1600-1658) (p. 305-348)
  • Alessandro Bianchi, Una rivalità di lungo periodo: i rapporti politico-diplomatici tra gli Este e i Gonzaga (p. 349-367)
  • Raffaella Morselli e Roberta Piccinelli, «Passando tra noi […] così stretta unione d’animo»: diplomazia e relazioni artistiche tra i ducati di Mantova e Modena (p. 369-396)
  • Flavio Rurale, Clero regolare e corte estense. Il primo Seicento (p. 397-416)
  • Indice dei nomi (p. 417-441)
Forse ti interessa anche