Refrigerio dei santi

Gioacchino da Fiore e l’escatologia medievale

Robert E. Lerner
Collana: Opere di Gioacchino da Fiore: testi e strumenti, 5
Pubblicazione: Settembre 1995
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 244, 4 tav. col. f.t., 17x24 cm, bross.
ISBN: 9788885669406
€ 24,00 -15% € 20,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 20,40

Il Medioevo è tradizionalmente considerato come un’età tutta rivolta all’attesa della fine, ripiegata sulla percezione agostiniana di un “mondo che invecchia”. Questo libro mostra invece come l’Occidente medievale sia percorso dall’attesa di un tempo nuovo e imminente di pace sulla terra. Tale attesa contribuisce a modificare non solo l’orizzonte immaginario, ma anche la visione della storia tramandata dall’età patristica: precisamente nel XII secolo si riconoscono le prime tracce della moderna nozione della storia come aperta al progresso.

Il volume chiarisce innanzi tutto le premesse esegetiche e dottrinali che, a partire da san Gerolamo, rendono pensabile un breve intervallo di quiete per i santi («refrigerium sanctorum») prima delle temute prove finali. La sezione centrale offre una rilettura della figura di Gioacchino da Fiore, il primo autore che, in contrasto con le indicazioni di sant’Agostino, osi riproporre una rilettura millenaristica dell’Apocalisse. La parte conclusiva è dedicata ad alcune figure e vicende che testimoniano esemplarmente il diffondersi del messaggio gioachimita e il tramandarsi di aspettative millenariste nei secoli XIII e XIV.

  • Abbreviazioni
  • Introduzione
  • Parte prima. Questioni di interesse generale
    • 1. Refrigerio dei santi: il tempo dopo l’Anticristo come tappa del progresso terreno nel pensiero medievale
      2. Dissenso estatico
  • Parte seconda. Gioacchino
    • 3. La via al chiliasmo di Gioacchino da Fiore
      4. Anticristi e Anticristo in Gioacchino da Fiore
      5. Gioacchino da Fiore come legame fra san Bernardo e Innocenzo III sul significato simbolico di Melchisedek
  • Parte terza. Sviluppi ulteriori
    • 6. Federico II mitizzato e ridimensionato post mortem nell’escatologia francescano-gioachimita
      7. Un «angelo di Filadelfia» nel regno di Filippo il Bello: il caso di Guiard di Cressonessart
      8. Il ritorno medievale al Sabato di mille anni
  • Appendici. Documenti riguardanti il processo di Guiard di Cressonessart
    • Appendice 1. Appendice 2. Appendice 3
  • Opere citate
  • Indice dei nomi di persona e di luogo

Titoli e sedi originari dei saggi qui pubblicati:
Refreshment of the Saints, in «Traditio», 32 (1976), pp. 97-144
Ecstatic Dissent, in «Speculum», 67 (1992), pp. 33-57
Joachim of Fiore’s Breakthrough to Chiliasm, in «Cristianesimo nella storia», 6 (1985), pp. 489-512
Antichrists and Antichrist in Joachim of Fiore, in «Speculum», 60 (1985), pp. 553-570
Joachim of Fiore as a Link Between St. Bernard and Innocent III on the Figural Significance of Melchisedech, in «Mediaeval Studies», 42 (1980), pp. 471-476
Frederick II, Alive, Aloft and Allayed in Franciscan-Joachite Eschatology, in The Use and Abuse of Eschatology in the Middle Ages, a cura di W. Verbeke et al., Leuven 1988, pp. 359-384
An «Angel of Philadelphia» in the Reign of Philip the Fair: The Case of Guiard de Cressonessart, in Order and Innovation in the Middle Ages, a cura di W.C. Jordan et al., Princeton 1976, pp. 343-364, 529-540
The Medieval Return to the Thousand-Year Shabbath, in The Apocalypse in the Middle Ages, a cura di Richard K. Emmerson-Bernard McGinn, Ithaca-London 1992, pp. 51-71

Traduzione di Stefano Galli

Forse ti interessa anche