Il Trecento disegnato

Le basi progettuali dell’architettura gotica in Italia

Valerio Ascani
Collana: Studi di arte medievale, 5
Pubblicazione: Giugno 1997
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 208, 45 ill. col e b/n, 17x24 cm, bross.
ISBN: 9788885669628
€ 30,00 -15% € 25,50
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 25,50

All’interno del Gotico italiano, periodo di cruciale importanza in fatto d’arte e di architettura, si è sviluppata, a partire dalla Toscana, una teoria progettuale fondata sul disegno, che avrebbe costituito la base per la produzione di capolavori dell’architettura e scultura monumentale del Trecento, come la facciata del duomo di Orvieto, la cattedrale di Siena, il duomo di Milano o il San Petronio di Bologna.

I disegni architettonici medievali italiani, veri progetti in scala, ma al tempo stesso colorati disegni ricchi di particolari decorativi, sono al centro di una ricerca che mette in luce gli aspetti ideativi e compositivi del Gotico italiano e contribuisce a spiegare la prassi operativa seguita nei cantieri della penisola, da Nicola Pisano a Lorenzo Maitani e ad Antonio di Vincenzo.

  • Prefazione, di Angiola Maria Romanini
  • Premessa
  • Introduzione
  • 1. Le fonti documentarie: testi e analisi
    • 1.1. Progettazione mediante disegno. 1.2. Progettazione mediante modello bidimensionale dipinto. 1.3. Progettazione mediante disegno o modello inciso. 1.4. Progettazione mediante modello tridimensionale. 1.5. Progettazione mediante disegno e modello tridimensionale. 1.6. Progettazione integrata: mezzi progettuali e sviluppo dell’idea architettonica. 1.7. Progettazione indiretta. 1.8. Progettazione per moduli dimensionali prefissati. 1.9. Progettazione per proporzioni aritmetiche e geometriche. Note al capitolo 1.
  • 2. Le fonti documentarie: interpretazione storiografica
    • Note al capitolo 2.
  • 3. Le fonti grafiche: testi e analisi
    • 3.1. I progetti per il cantiere del duomo di Orvieto. 3.2. I progetti per il cantiere del duomo di Siena. 3.3. I progetti per altri cantieri senesi. 3.4. Il progetto per il cantiere di San Francesco ad Arezzo. 3.5. I progetti di scultura monumentale di area toscana. 3.6. I disegni per il cantiere del duomo di Milano. 3.7. I disegni incisi su pietra. Note al capitolo 3.
  • 4. Le fonti grafiche: interpretazione storiografica
    • Note al capitolo 4.
  • 5. Progettazione e costruzione nell’Italia gotica
    • Note al capitolo 5.
  • Designing the Trecento: Planning Devices of Gothic Architecture in Italy (English Summary)
  • Bibliografia generale sulla progettazione dell’architettura gotica

Prefazione di Angiola Maria Romanini

Angiola Maria Romanini

Angiola Maria Romanini (1926-2002) è stata professore di Storia dell’arte medievale nell’università di Pavia e in quella di Roma “La Sapienza”; accademica dei Lincei, della Pontificia accademia di archeologia e storia dell’arte, della Österreichischen Akademie der Wissenschaften di Vienna; direttore dell’Enciclopedia Italiana, consigliere del Presidente della Repubblica per la conservazione del patrimonio artistico, membro della Commissione permanente per la tutela dei monumenti storici e artistici della Santa Sede e membro del Comitato internazionale per la salvaguardia della Torre di Pisa. Ha fondato e diretto la rivista «Arte medievale».

Valerio Ascani

Valerio Ascani (Lucca, 1962) è ricercatore presso il Dipartimento di Storia delle Arti dell’Università di Pisa. Si è occupato in particolare dell’architettura e scultura di età romanica e gotica in Italia.

Forse ti interessa anche