I capitolari italici

Storia e diritto della dominazione carolingia in Italia

A cura di Claudio Azzara e Pierandrea Moro
Collana: Altomedioevo, 1
Pubblicazione: Marzo 1998
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 312, 14x21 cm, bross.
ISBN: 9788885669697
€ 28,41
Esaurito Esaurito Esaurito

In epoca carolingia, dalla metà dell’VIII e per tutto il IX secolo, il termine “capitolare” indica un atto giuridico, di regola suddiviso in articoli, emanato dai sovrani con lo scopo di far conoscere misure legislative o amministrative. I capitolari destinati in modo specifico – dopo la conquista franca – al Regnum Langobardorum vengono comunemente chiamati “Capitolari italici”. In essi, oltre a quelle generali valide per tutto l’impero carolingio, trovavano applicazione disposizioni emanate specificamente per l’Italia, con riferimento a concrete situazioni locali. Per questa caratteristica i “Capitolari italici” rappresentano una fonte di particolare interesse per lo studio delle vicende politiche, istituzionali e sociali dell’Italia altomedievale.

Nel volume viene pubblicata la raccolta di questi testi, in latino con traduzione italiana a fronte. Due saggi introduttivi, l’apparato di note e gli indici analitici consentono anche a chi non è specialista di inquadrare adeguatamente gli atti nel loro contesto storico, politico e giuridico.

  • Presentazione, di Stefano Gasparri
    Cenni di storia dell’Italia carolingia, di Pierandrea Moro
    I capitolari dei Carolingi, di Claudio Azzara
    Nota introduttiva
    Numerazione dei capitolari italici. Tavola di confronto
  • Capitolari di Carlo Magno e di suo figlio Pipino
    • 1. Avviso agli italici di Carlo Magno – 20 febbraio 776. 2. Lettera di Carlo indirizzata in Italia – 779-780. 3. Capitolare mantovano – 781. 4. Capitolare deciso con i vescovi longobardi – 782 circa. 5. Capitolare di Pipino re d’Italia – 782 circa. 6. Capitolare pavese di Pipino – 787. 7. Capitolare di Pipino – 787-788. 8. Capitoli italici di Carlo – 781-790. 9. Capitoli decisi con i vescovi d’Italia – 787-800. 10. Capitolare italico – 801. 11. Capitolare di Carlo Magno dei missi italici – 806-810. 12. Capitolare italico di Pipino – 806-810. 13. Lettera di Carlo al figlio Pipino – 806-810. 14. Capitolare di Pipino re d’Italia – 782-810. 15. Primo capitolare mantovano, esclusivamente per gli ecclesiastici – gennaio 813. 16. Secondo capitolare mantovano, per tutti – gennaio 813. 17. Capitoli dei missi – 813. 18. Capitoli dei missi o sinodali – 813. 19. Capitoli italici attribuiti a Carlo Magno. Note.
  • Capitolari di Lotario I
    • 20. Capitolare di Corteolona – 822-823. 21. Memoria di Corteolona dedicata ai conti – 822-823. 22. Concessione generale – forse 823. 23. Capitoli sui monasteri da ispezionare – data incerta. 24. Disposizione romana – novembre 824. 25. Capitoli riguardanti la spedizione in Corsica - febbraio 825. 26. Primo capitolare ecclesiastico di Corteolona – maggio 825. 27. Altro capitolare ecclesiastico di Corteolona – maggio 825. 28. Capitolare di Corteolona per i laici – maggio 825. 29. Capitoli sui beni ecclesiastici – forse 825. 30. Capitoli italici trasmessi singolarmente e attribuiti a Ludovico il Pio o a Lotario. 31. Capitolare pavese di Lotario – febbraio 832. 32. Capitolare di Lotario dei missi – febbraio 832. 33. Capitolare sulla spedizione da farsi contro i saraceni – 847. Note.
  • Capitolari di Ludovico II
    • 34. Capitolo italico di Ludovico II di origine incerta – 844-forse 850. 35. Commonitorio di Ludovico II consegnato ai vescovi di Pavia – 845-850. 36. Capitoli dei vescovi pubblicati a Pavia – 845-850. 37. Capitolare di Ludovico II – 850. 38. Capitoli presentati da Ludovico II ai conti a Pavia – fine 850. 39. Capitolare pavese di Ludovico II – fine 850. 40. Sinodo di Pavia – 850. 41. Capitoli pavesi di Ludovico II dati come legge – 20 luglio 855. 42. Capitolare pavese da osservare come legge – inizio 856. 43. Capitoli esposti dall’imperatore agli ottimati a Pavia – 4 febbraio 865. 44. Capitolare dei missi – dopo il 4 febbraio 865. 45. Disposizione riguardante la spedizione a Benevento – inizio 866. 46. Capitoli trasmessi singolarmente attribuiti a Lotario o a Ludovico II. Note.
  • Capitolari di Carlo II il Calvo e dei re d’Italia
    • 47. Elezione dell’imperatore Carlo II – febbraio 876. 48. Capitolare pavese di Carlo II – febbraio 876. 49. Capitolare dell’elezione di Guido – febbraio 889. 50. Capitolo del re Guido tramandato singolarmente – febbraio 889-febbraio 891. 51. Capitolare pavese dell’imperatore Guido, da aggiungere alle leggi – 1° maggio 891. 52. Giuramento dei Romani prestato all’imperatore Arnolfo – febbraio 896. 53. Capitolare di Ravenna di Lamberto – 898. 54. Sinodo di Ravenna – 898. 55. Promessa di Berengario fatta ad Angeltrude – 1° dicembre 898. 56. Capitoli incerti. Note.
  • Appendice
    • Capitolare di Herstal – marzo 779. Forma longobarda. Note.
  • Opere citate
    Indice dei nomi di persona e di luogo
    Indice delle parole

Presentazione di Stefano Gasparri
Testo latino e traduzione italiana a fronte

Pierandrea Moro

Pierandrea Moro è laureato in storia medievale all’Università Ca’Foscari di Venezia. Tra le sue pubblicazioni: Riccardo Cuor di Leone (Teramo 1994), «Quam horrida pugna». Elementi per uno studio della guerra nell’alto medioevo italiano (Venezia 1995); Venezia. Itinerari per la storia della città, con S.Gasparri e G.Levi (Bologna 1997).

Stefano Gasparri

Stefano Gasparri è docente di Storia Medievale all’Università di Venezia. La sua ricerca si è dedicata in prevalenza alle società altomedievali (IV-XI secolo) e in particolare all’Italia longobarda e carolingia. Fra i suoi lavori: La cultura tradizionale dei Longobardi. Struttura tribale e resistenze pagane (Cisam, 1983); I milites cittadini. Studi sulla cavalleria in Italia (Isime, 1992); Prima delle nazioni. Popoli etnie e regni fra antichità e medioevo (Nis, 1997); Alto Medioevo mediterraneo (curatore, Firenze university press, 2005).

Forse ti interessa anche