Gli Acta comunitatis Tarvisii del sec. XIII

A cura di Alfredo Michielin
Collana: Fonti per la storia della Terraferma veneta, 12
Pubblicazione: Marzo 1998
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 1266, 16 tav. b/n f.t., 17x24 cm, ril.
ISBN: 9788885669734
€ 103,00 -15% € 87,55
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 87,55

L’erudizione trevigiana nel XVIII secolo ha avuto un ruolo fondamentale nel salvataggio della superstite documentazione duecentesca del comune cittadino. In particolare, se Vittore Scoti non avesse “assemblato” le eterogenee reliquie documentarie che oggi costituiscono il ms. 661/II della Biblioteca Comunale di Treviso – edito in questo volume –, esse sarebbero probabilmente andate perdute per sempre. Queste disiecta membra costituiscono invece, insieme ad alcuni altri manoscritti, il più cospicuo – anzi l’unico – corpus di documentazione comunale duecentesca disponibile negli archivi delle città venete.
La pubblicazione dei documenti raccolti dallo Scotti prosegue nel volume 20 di questa collana – «Mutui e risarcimenti del comune di Treviso (secolo XIII)» – con l'edizione del ms. 661/III della Biblioteca Comunale di Treviso.

  • Nota introduttiva, di Gian Maria Varanini (p. v-l)
    • 1. L’erudizione municipale e la documentazione del comune di Treviso nel Settecento e nell’Ottocento. 2. La documentazione comunale trevigiana dal Trecento al Cinquecento: selezione ed offuscamento della memoria. 3. Produzione e conservazione della documentazione comunale nel Duecento: note dagli statuti trevigiani. Appendice: frammenti di registri duecenteschi del comune di Treviso.
  • Gli Acta Comunitatis Tarvisii: un prodotto dell’erudizione settecentesca, di Alfredo Michielin (p. li-lxxx)
    • 1. L’erudizione trevigiana nella prima metà del sec. XVIII. 2. L’intervento conservativo di Vittore Scoti. 3. La tradizione sette-ottocentesca degli Acta comunitatis Tarvisii. 4. Gli studi e le edizioni. 5. Descrizione dei due manoscritti. 6. Criteri di edizione. Appendice.
  • Sigle archivistiche, fonti e bibliografia (p. lxxxi-xc)
  • Tavole
  • Gli Acta Comunitatis Tarvisii del sec. XIII (Biblioteca Comunale di Treviso, ms. 661/II) (p. 1-999)
    • I. [Liber A (1242-1257)]. II. [Acquisti e giurisdizioni del comune di Treviso (1191-1225, 1263-1279)]. III. [Acquisti del comune di Treviso (1263-1280)]. IV. [Quaternus affictacionum (1268-1270)]. V. [Inquisiciones super facto feudorum de Castrofranco (1270)]. VI. [Quaterni affictacionum terrarum et possessio comunis Tarvisii (1277-1283)]. VII. [Investiture feudorum de Castrofranco (1279, 1285)]. VIII. [Quaterni Seravalli Bonacii notarii (1285)]. IX. Quaternus abreviacionum scriptarum per Systum de Bellagranda notarium (1288-1289). X. Quaternus Bartholamei notarii de Lectis (1293). XI. Possessi ed affitti del comune di Treviso (1293). XII. Quaternus expensarum factarum per massarios comunis Tarvisii.
  • Indici (p. 1001-1174)
    • Tavola riepilogativa dei documenti editi
      Indice dei notai rogatari
      Indice dei nomi di persona, a cura di Anna Zangarini
      Indice dei nomi di luogo
      Indice della toponomastica urbana e suburbana di Treviso
      Indice delle magistrature, degli uffici e dei consigli del comune di Treviso
      Indice delle cose notevoli (comune e città di Treviso)
      Indice delle tavole

Con una nota introduttiva di Gian Maria Varanini

Gian Maria Varanini

Gian Maria Varanini insegna Storia medievale all’Università di Verona. Si interessa di storia politica e sociale del tardo medioevo, di storia della storiografia, di fonti documentarie medievali.

Anna Zangarini

Anna Zangarini (Verona 1950) è docente atto di Editing alla facoltà di Lingue dell’Università di Verona. Ha svolto attività redazionale e di traduzione per numerose case editrici e istituzioni di ricerca, tra le quali il Museo di Castelvecchio di Verona, l’Istituto storico italo-germanico in Trento, il Centro studi sulla civiltà del tardo medioevo di San Miniato (per il quale ha curato curato il volume La morte e i suoi riti in Italia tra medioevo e prima eta moderna, 2007), la Fondazione Cariverona, e collabora a pubblicazioni di storia locale. È redattrice della collana “Il Rinascimento italiano e l’Europa” (Fondazione Cassamarca - Angelo Colla editore). Dal 2005 cura l’editing di “Reti Medievali Rivista”.

Forse ti interessa anche