La fabbrica del codice

Materiali per la storia del libro nel tardo medioevo

Paola Busonero, Maria Antonietta Casagrande Mazzoli, Luciana Devoti, Ezio Ornato
Collana: I libri di Viella, 14
Pubblicazione: 1999
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 302, 14x21 cm, bross.
ISBN: 9788885669758
Esaurito Esaurito Esaurito
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9788883346088
€ 14,99
Acquista Acquista Acquista

Benché le dimensioni e le ambizioni dell’oggetto siano alquanto più modeste di quelle di una cattedrale, l’architettura del codice si muove anch’essa in un complesso articolarsi di spinte e di equilibri. Come le volte, le cupole e le navate, anche il supporto, i fascicoli e la legatura sono concepiti per sfidare i secoli, e allo stesso modo che tutti i dettagli del monumento religioso sono finalizzati alla celebrazione dell’onnipotenza e dell’onnipresenza divina, tutti gli elementi costitutivi del libro e della sua presentazione devono essere strettamente commisurati al ruolo sociale del possessore.

Ciò spiega perché, dietro l’apparente libertà delle scelte dei singoli artigiani e l’incessante evoluzione delle prassi e degli stili, l’occhio esercitato dello studioso, ben coadiuvato da protocolli di osservazione sistematica e da potenti strumenti di elaborazione dei dati acquisiti è in grado di evidenziare lo scrupoloso rispetto di un gran numero di regole non scritte.

Sfoglia un'anteprima

Ezio Ornato

Ezio Ornato è specialista dell’umanesimo francese e storico del libro medievale, tanto manoscritto quanto a stampa. Ha compiuto i suoi studi presso l’Università di Torino. Dal 1962 vive e lavora a Parigi, dove è Directeur de recherche presso il Centro national de la recherche scientifique e responsabile dell’Equipe «Culture, Politique et Société en Europe (IXe-XVIe siècle)».

Il volume è disponibile in edizione elettronica presso il sito Casalini Digital Division: http://digital.casalini.it/9788885669758

Forse ti interessa anche