Donne pubbliche

Tolleranza e controllo della prostituzione nell’Italia fascista

Annalisa Cegna
Collana: I libri di Viella, 476
Pubblicazione: Dicembre 2023
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione cartacea
pp. 184, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9791254694015
€ 25,00 -5% € 23,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,75
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9791254694565
€ 14,99
Acquista Acquista Acquista

La prostituzione è stata un fenomeno pervasivo, che si è evoluto in modi unici durante il periodo fascista. Sebbene fortemente stigmatizzata, ha avuto un ruolo eminente nelle politiche del regime e nella società dell’epoca. Alla granitica convinzione che le case di tolleranza gestite dallo Stato fossero essenziali tanto all’ordine pubblico quanto alle esigenze sanitarie, si aggiunse, a partire dagli anni Trenta, anche la necessità di garantire la “sanità della stirpe”, tanto che la casa chiusa divenne uno strumento importante della politica razziale di Mussolini.

Attraverso l’analisi approfondita di una documentazione inedita, il volume indaga l’impianto legislativo predisposto per amministrare la prostituzione, i percorsi delle donne coinvolte in questa professione, il controllo governativo, le condizioni di vita nelle case chiuse, il loro impatto sulla società civile e sull’esercito, favorendo anche l’emergere di nuovi interrogativi sulle complesse dinamiche che investirono l’Italia degli anni del fascismo.

  • Prefazione di Edoardo Bressan
  • Introduzione
  • 1. Legislazione e prassi sanitario-poliziesca
    • 1. L’origine del regime di regolamentazione in Italia
    • 2. Vigilanza e repressione della prostituzione durante il fascismo
    • 3. Medici e poliziotti
    • 4. Razza e prostituzione
  • 2. La casa chiusa
    • 1. Aprire una casa di tolleranza
    • 2. Chiesa e meretricio
    • 3. Il bordello e il suo contesto
    • 4. La «difesa profilattica delle colonie»
    • 5. Le tenutarie
    • 6. Le prostitute
  • 3. Relazioni di guerra
    • 1. “Necessità fisiologiche” dei soldati
    • 2. La prostituzione come problema militare
    • 3. La Wehrmacht e il sistema postribolare italiano
    • 4. Esercito alleato e prostituzione clandestina
    • 5. Epilogo
  • Indice dei nomi

In copertina: Carlo Carrà, La casa dell’amore, 1922 (elaborazione grafica). Milano, Pinacoteca di Brera.

Annalisa Cegna

Annalisa Cegna insegna Storia contemporanea presso l’Università di Macerata, è direttrice scientifica dell’Istituto storico di Macerata e fa parte della Commissione scientifica dell’Istituto nazionale “Ferruccio Parri”. I suoi ambiti di ricerca vertono prevalentemente su questioni attinenti al rapporto tra donne e fascismo.

Forse ti interessa anche
  • Italia ed Europa dalle leggi antiebraiche ai razzismi di oggi
    a cura di Annalisa Cegna e Filippo Focardi
    2021, pp. 136
    € 18,00 -5% € 17,10
  • L’eredità di Lombroso nella cultura e nella società italiane
    a cura di Liliosa Azara e Luca Tedesco
    2019, pp. 228
    € 28,00 -5% € 26,60
  • L’Italia dal primo dopoguerra alla marcia su Roma (1919-1922)
    a cura di Marco Pignotti
    2024, pp. 146
    € 22,00 -5% € 20,90
  • Storia e storiografia in Italia fra tardo medioevo ed età contemporanea
    a cura di Nicoletta Bazzano e Sergio Tognetti
    2024, pp. 216
    € 27,00 -5% € 25,65