La persecuzione dei rom e dei sinti nell’Italia fascista

Storia, etnografia e memorie

Paola Trevisan
Prefazione di Michele Sarfatti
Collana: La storia. Temi, 116
Pubblicazione: Gennaio 2024
Wishlist Wishlist Wishlist
Scheda in PDF Scheda in PDF Scheda in PDF
Edizione cartacea
pp. 312, 15x21 cm, bross.
ISBN: 9791254694077
€ 29,00 -5% € 27,55
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 27,55
Edizione digitale
PDF con Adobe DRM
ISBN: 9791254694398
€ 16,99
Acquista Acquista Acquista

Quale fu l’atteggiamento del fascismo verso coloro che definiva “zingari”? Come si articolò la persecuzione dei rom e dei sinti e come mai la sua memoria non ha trovato spazio nell’Italia repubblicana?

Sulla base di un’estesa documentazione archivistica messa a confronto con testimonianze e ricerche storico-etnografiche, il volume ricostruisce per la prima volta le politiche antizingari del regime fascista e la loro ricaduta su rom e sinti che vivevano in Italia: prima pensati indistintamente come vagabondi stranieri da respingere ed espellere, poi sottoposti al confino di polizia e forzatamente trasferiti (dalla Venezia Giulia e Tridentina in particolare) nelle regioni meridionali e, con l’entrata in guerra dell’Italia, internati in località sparse per la penisola e nei campi di concentramento.

Raramente, nel dopoguerra, le memorie delle persecuzioni subite sono uscite dallo stretto ambito delle famiglie rom e sinti e il loro mancato riconoscimento come vittime del regime fascista ha favorito la negazione dei diritti di cittadinanza a coloro che oggi vivono in Italia.

  • Prefazione di Michele Sarfatti
  • Prologo. Le lettere
  • Introduzione
  • 1. “Zingari” d’Italia
    • 1. Cingani/zingari della penisola italiana in Antico Regime
    • 2. Rom e sinti nell’Italia del XIX e del XX secolo
  • 2. “Zingari” e nuove discipline fra Italia liberale e Italia fascista
    • 1. Origini, lingua e morale degli “zingari” (secoli XVIII-XIX)
    • 2. “Zingari” ed ebrei
    • 3. “Zingari” e vagabondi
    • 4. Identificazione, registrazione e criminalizzazione di rom e sinti in Europa
    • 5. Eugenetica, legislazione sulla “razza” e regime fascista
    • 6. Scienza fascista e “zingari”
  • 3. Pratiche e politiche contro gli “zingari” fra le due guerre mondiali
    • 1. Attraversare le frontiere
    • 2. La cittadinanza dei rom e dei sinti nei territori ex-asburgici
    • 3. Espulsioni e respingimenti degli “zingari” stranieri (1924-1940)
    • 4. «Zingari girovaghi di nazionalità italiana certa o presunta»
    • 5. Politiche antizingari nella Venezia Giulia e Tridentina (1938-1946)
  • 4. Le persecuzioni in Italia e nei territori annessi durante la Seconda guerra mondiale (1940-1945)
    • 1. Il sistema concentrazionario dell’Italia fascista e gli “zingari”
    • 2. La normativa contro gli “zingari” (1940-1943)
    • 3. Fermi, rastrellamenti e località di internamento
    • 4. L’internamento in località: difficoltà gestionali e ambiguità istituzionali (1940-1944)
    • 5. Nei campi di concentramento in Italia (1940-1943)
    • 6. Nei territori sloveni e croati occupati (1941-1943)
    • 7. Dall’Italia ai campi nazisti (1943-1945)
  • 5. Cittadini come tutti gli altri? Il dopoguerra
    • 1. Il confine orientale e i profughi rom
    • 2. Il dopoguerra dei rom e dei sinti
  • Conclusioni
    • 1. La categorizzazione degli “zingari”: un problema europeo
    • 2. La persecuzione dei rom e dei sinti in Italia
    • 3. Da “zingari” a nomadi
  • Appendici
  • Indice dei nomi

In copertina: Lorenzo Viani, I nomadi, 1907. Collezione privata.

Paola Trevisan

Paola Trevisan si occupa di antropologia e storia dei gruppi romaní in Italia. Ha fatto parte di diversi progetti di ricerca nazionali e internazionali sulla persecuzione dei rom e dei sinti durante il fascismo. Fra le sue pubblicazioni ricordiamo: Storie e vite di Sinti dell’Emilia (CISU 2005), Etnografia di un libro. Scritture, politiche e parentela in una comunità di Sinti (CISU 2008).

Forse ti interessa anche